5 citazioni confortanti da sapere sulla profezia di Isaia

Parole di conforto e di consolazione per il popolo di DIO, per la nostra sofferenza durante l’esilio dalla terra promessa che in passato era identificata in Israele, ma oggi si può considerare come il raggiungimento dell’era di pace, l’era messianica.
Ecco cinque dei migliori passaggi di questa profezia che rassicura i cuori dei credenti.

1

“Conforta, conforta il Mio popolo” afferma il tuo DIO
(Isaia 40, 1).

Isaia predice una salvezza così grande che finirà per far cessare tutte le lacrime dell’esilio. Dalle parole del Profeta veniamo rassicurati non solo che saremo confortati al momento della redenzione, ma che comprenderemo inoltre il perchè di tutto ciò che abbiamo sopportato, e in che modo ci ha reso esseri spirituali più grandi.

2

Parla in modo consolante nel cuore di Gerusalemme e proclamale che il suo periodo di esilio è stato completato, che la sua iniquità è stata perdonata, poiché ha ricevuto il doppio per tutti i suoi peccati dalla mano di DIO.
(Isaia 40, 2)

Questo non può significare che il popolo di DIO ricevette più punizioni di quanto meritasse, perché il SIGNORE è un Giudice e un Padre giusto. Tuttavia, la consolazione sarà così grande che il popolo si sentirà come se avesse sofferto il doppio di quanto abbia realmente sopportato. (Targum)

3

Preparate nel deserto la via del SIGNORE, appianate nei luoghi aridi una strada per il nostro DIO!
Ogni valle sarà sollevata, ogni monte e ogni colle saranno abbassati; i luoghi scoscesi siano livellati, i luoghi accidentati diventino pianeggianti.
Allora la gloria del SIGNORE sarà rivelata
(Isaia 40, 3-5)

Letteralmente ciò significa che si formerà un percorso chiaro, diritto e agile da affrontare per tutto il popolo di DIO mentre ritorneremo dall’esilio (dalla condizione di dolore, a quella di pace). Se ai tempi del Profeta Isaia l’esilio era quello in terra Babilonese, oggi il nostro esilio è considerato l’essere stati allontanati dalla Terra Santa, ovvero dalla Fede e dalla giustizia che solo l’Amore per il CREATORE può donarci. Ci siamo allontanati dalla Verità credendo che i falsi dèi potessero salvarci, ma invece i soldi, i beni materiali e l’anarchia spirituale ci hanno solo condotto a molto più stress (gravati dagli insostenibili “pesi” terreni) ed insoddisfazione nel non trovare un vero grande scopo nelle nostre vite. Questi fardelli ci hanno soppresso il desiderio di grandezza che il Salmo 82 ci promette, quello per la quale davvero vale la pena vivere.

Il Talmud (Nedarim 55a) spiega che quelle persone che si considerano alte e potenti saranno abbassate e quelle che agiscono umilmente saranno sollevate. I nostri persecutori che erano alti come le montagne vedranno la loro caduta, mentre noi che siamo stati esiliati saremo finalmente sollevati.

A livello personale, ciò può significare che tutto il popolo di DIO si renderà conto che quanti agiscono altezzosi e potenti non sono così agli occhi del CREATORE, ma piuttosto quelli che camminano umilmente, facendo del loro meglio per fare la Sua volontà, operare per il bene, la pace e l’amore, coloro saranno veramente degni.

4

È come un pastore che pascola il suo gregge, che raccoglie gli agnelli tra le braccia, che li porta in seno, che guida le pecore che allattano.
(Isaia 40, 11)

Come un pastore tende alle esigenze particolari di ogni singolo animale, DIO si prende cura affettuosamente di ognuno dei credenti, è questa la promessa. Non viene dato a nessuno un peso al di là delle proprie possibilità, e quando qualcuno si allontana, il SIGNORE lo riconduce amorevolmente.

5

Alza gli occhi in alto e guarda, chi ha creato queste cose. Egli produce le loro legioni per numero, chiama ciascuna per nome; dall’abbondanza [per la grandezza] del Suo potere e dal vigore della Sua forza, non manca nessuno.
(Isaia 40, 26)

Quando guardiamo in alto, vediamo i meravigliosi corpi celesti che DIO ha creato. Tuttavia, nonostante l’immensa vastità del nostro universo, DIO “chiama ciascuno per nome”, assegnando uno scopo specifico a ogni essere creato.
Se il CREATORE guarda con affetto ogni corpo inanimato, quanto più è il suo amore per ognuno dei suoi figli, garantendo che ognuno realizzi il proprio scopo, e che nessuno dei credenti sarà mai perdente o sconfitto.

Comments are closed.