Numerologia Biblica di base

Una chiave essenziale per comprendere la Parola di DIO e il suo disegno passa anche comprendendo il significato dei numeri riportati nella Bibbia che spesso si intendono in modo metaforico e simbolico. Nel passato spesso sono stati interpretati questi numeri attraverso supposizioni e congetture che però risultano nella maggior parte dei casi fuorvianti e troppo complessi. In questo articolo invece si riporterà una piccola spiegazione della numerologia più generica e di base senza dedurre che dalla loro comprensione si possa rivelare l’opera di DIO, ma che comunque aiuta ad interpretare più chiaramente alcuni passaggi biblici.

Mentre la struttura di alcuni è abbastanza ovvia, altri invece richiedono uno studio più approfondito della Bibbia, scoprendo che ognuno di questi numeri ha un particolare simbolismo.

In questo articolo tralasceremo la gematria, argomento molto più complesso, quella ricerca che indaga sui modelli in alcune parole e frasi in lingua originale che rivelerebbero un significato nascosto dietro il testo biblico, offrendo un’ulteriore prova che DIO, il CREATORE ha ispirato ogni singola parola usata nel Libro annunciando così la Sua volontà.

La numerologia

La numerologia biblica è l’uso dei numeri per il loro valore simbolico e per ciò che rappresentano nei testi biblici. Il primo esempio che troviamo nelle Sacre Scritture sono i sette giorni della creazione nella Genesi al capitolo 1, che vanno più intesi come un rapporto (6 giorni di creazione/lavoro e 1 di riposo) che come un numero in se per se. In molte lingue, religioni e filosofie antiche erano contenute interpretazioni numeriche di eventi, parole e nomi, ma le idee greche ed orientali sulla numerologia non sembrano aver permeato le credenze ebraiche, cristiane e musulmane.

Uno – 1

Uno rappresenta l’unità del tutto e l’inizio, come ad esempio nel primo Libro della Genesi. Il numero 1 è divisibile solo da se stesso ed indipendente da qualsiasi altro numero, ma li compone tutti. Simboleggia nella Bibbia l’unità e il primato, l’unità della Divinità. Ciò che è conosciuto come Shema (o Shema Yisrael), una citazione del versetto quattro del Deuteronomio 6, 4 che è spesso usato nei servizi di preghiera ebraici, attesta questo fatto.

Il numero 1 rappresenta anche l’unità tra DIO Padre e suo Figlio Gesù (Giovanni 10, 30). Gesù, con il suo singolare sacrificio, ha reso possibile il perdono dei peccati, Mediatore e Pastore (1Timoteo 2, 5 ; Giovanni 10, 16) nella vita di ogni cristiano.

Due – 2

Twos are associated with valid testimony.
Per autenticare una testimonianza sono necessari due testimoni (Deuteronomio 19,15; cfr. Numeri 35, 30 ; Deuteronomio 17, 6 ; Matteo 18, 16 ; Giovanni 8, 17 ; Ebrei 10, 28).
In Apocalisse 11, i due testimoni rappresentano la chiesa nella sua molteplicità di fedeli che rivestono il ruolo specifico di testimoni del Messiah.

Tre – 3

L’implicazione del tre indica la “perfezione” la “pienezza” o la “santità” nel contesto del concetto di interpretazione trinitaria (per esempio in Mt 12,40). Spesso i tre hanno una forza superlativa con l’ultimo della serie che sottolinea la determinazione. Tre sono ad esempio le tentazioni di Cristo (Matteo 4, 1-11) e le tre le negazioni di Pietro (Giovanni 18, 13-27).

Alcuni esempi:

  • Tre grandi feste principali troviamo nella tradizione ebraica (Esodo 23, 14-19)
  • La preghiera è indicata da fare tre volte al giorno (vedere Daniele 6, 10 e il Salmo 55, 17)
  • Gli animali di tre anni sono stati premiati per fare dei sacrifici speciali (Genesi 15, 9)
  • Ci sono tre grandi celebrazioni nel Triduo Pasquale (la parte più sacra della Settimana Santa, la settimana più santa di gran parte del cristianesimo), che dura circa tre giorni (il Giovedì Santo, e la Messa della Cena del Signore, il Venerdì Santo, e la Veglia Pasquale e la Domenica di Pasqua).
  • Secondo il cristianesimo ortodosso: il concetto della Trinità
  • Nel Libro dell’Apocalisse, i quattro esseri viventi usano i tre per esaltare gli attributi di Dio: “Santo, santo, santo, il Signore Dio Onnipotente, che era e sempre sarà nell’avenire” (Apocalisse 4, 8). In questo caso, i tre hanno una forza superlativa, sottolineando l’infinita santità di DIO.

Quattro – 4

Il 4 è il numero che fa riferimento alla creazione. Il quarto giorno della cosiddetta “settimana della creazione” DIO ha infatti completato l’universo materiale. In questo giorno ha fatto nascere il sole, la luna e le stelle (Genesi 1, 14-19). Il loro scopo non era solo quello di emettere luce, ma anche di dividere il giorno dalla notte sulla terra, diventando così una demarcazione fondamentale del tempo. Erano anche fatti per essere un indicatore necessario per i giorni, gli anni e le stagioni.

  • Intorno al trono ci sono quattro creature viventi, che rappresentano tutto il creato (Ap 4, 6 e 8 ; 5,6 , 8 e 14).
  • L’umanità è divisa in quattro parti, che rappresentano l’intera creazione: “ogni tribù e lingua e popolo e nazione” (Ap 5, 9 ; cfr anche 7, 9 ; 10, 11 ; 11, 9 ; 13, 7 ; 14, 6; 17, 15).
  • I quattro angoli della terra (Ap 7, 1), o i quattro punti della bussola: Nord, Sud, Est e Ovest. (Ap 21, 13).
  • La nuova Gerusalemme ha quattro lati perché è la nuova terra (Ap 21, 16).
  • Costruzione dell’altare: quattro angoli, quattro pilastri, ecc. (vedere Esodo 27, 1-8 ed Esodo 27, 16)

Sei – 6

Sei indica l'”imperfezione”, l'”uomo”, o il “male”. Per il cristianesimo questo è attestato in modo preminente nel Libro dell’Apocalisse.

  • Sei è il numero associato alla creazione dell’umanità in Genesi 1, 26-31.
  • Seicentosessantasei (666) è il numero della bestia, ha i segni distintivi del sette perfetto, ma non lo è. Non è l’ultimo (cioè il sette) ma solo il penultimo, la bestia ha “la maggior parte dei segni della verità, e quindi vicina ad essa per poter facilmente ingannare”. Per esempio, la bestia ha sette teste (Ap 13, 1), il numero perfetto, e una ferita mortale che è stata guarita (Ap 13 ,3). La ferita mortale che è guarita è una parodia dell’Agnello ucciso eppure risorto in Apocalisse 5, 6 la bestia è il demoniaco falso Messiah, che appare benigno, ma la sua vera natura non è messianica, ma satanica.

Sette – 7

Sette significa “sacralità per eccellenza” e “totalità della perfezione”.

  • Gesù Cristo fu crocifisso il sesto giorno, trascorse il settimo giorno nella tomba di Giuseppe d’Arimatea e apparve a Maria Maddalena l’ottavo giorno.
  • Ci sono sette sacramenti nel cattolicesimo occidentale, nel cattolicesimo orientale, nei riti anglo-cattolici e nella Chiesa ortodossa.
  • Ci sono sette giorni in una settimana e sette giorni di creazione, apparentemente collegati alle quattro fasi lunari primarie, che sono circa 7 giorni ciascuna.
  • Nel Libro dell’Apocalisse, ci sono diversi esempi, tra cui: sette chiese (Apocalisse 2, 1 – 3, 22), sette coppe (Apocalisse 15, 5 – 16, 21), sette sigilli (Apocalisse 5, 1 – 8, 1), sette trombe (Apocalisse 8, 2 – 11, 18), sette tuoni (Apocalisse 10, 3-4), sette spiriti (Apocalisse 1, 4), sette stelle (Apocalisse 1, 20) e sette lampade (Apocalisse 1, 20).
  • L’agnello ha sette occhi e sette corna (Apocalisse 5, 6). Il drago ha sette teste e sette diademi (Apocalisse 12, 3), e la bestia del mare ha sette teste (Apocalisse 13, 1 ; 17, 3).
  • Ci sono sette virtù teologali per compensare sette peccati mortali.
  • I sette sono usati nelle sequenze retoriche dell’Apocalisse. Per esempio, “degno è l’Agnello… di ricevere potere e ricchezza e saggezza e potenza e potenza e onore e gloria e benedizione” (Ap 5, 12).
  • Ci sono sette bracci e lampade su lla Menorah (Esodo 25, 31-40)

Otto – 8

Otto rappresenta la “nuova vita” o la “resurrezione”, un nuovo inizio.

  • C’erano otto persone sull’Arca di Noè (vedere Gen 7, 7 e 2 Pietro 2, 5)
  • La circoncisione viene fatta durante l’ottavo giorno dalla nascita del bambino (Gen 17, 12)
  • Gesù crocifisso il sesto giorno, riposato nel sepolcro il settimo, e risorto dai morti l’ottavo giorno.
  • L’ottavo giorno della settimana segna un nuovo giorno o un nuovo inizio (cfr. 2Enoch 33, 1).

Dieci – 10

Nella Bibbia, il numero 10 è usato 242 volte, mentre la definizione “10” è usata 79 volte. Anche il 10 è considerato un numero di completezza e perfezione, ma per indicare cose più terrene, ovvero meno Sacre-Divine. È composto dal 4, il numero della creazione fisica, e dal 6, il numero dell’uomo, e secondo questa interpretazione, il 10 rappresenta la testimonianza, la legge, la responsabilità e la completezza dell’ordine.

  • In Genesi 1 troviamo la frase “DIO disse” 10 volte, che è una testimonianza della sua potenza creatrice.
  • DIO ha dato i 10 Comandamenti all’uomo. Dieci rappresenta quindi la responsabilità dell’uomo di osservare i comandamenti.
  • La decima è un decimo del nostro guadagno ed è una testimonianza della nostra fede nel Signore.
  • L’agnello pasquale è stato scelto il giorno 10 del primo mese (Esodo 12, 3), come Gesù, l’Agnello che toglie i peccati del mondo (Giovanni 12, 28 – 29; 1Corinzi 5, 7).
  • Il giorno 10 del 7° mese è anche il giorno santo conosciuto come il giorno dell’Espiazione. Questo giorno unico di digiuno immagina la rimozione di Satana, l’autore del peccato, prima che inizi il millenario regno Messianico (Apocalisse 20, 1 – 2).

Undici – 11

Il numero 11 può simboleggiare il disordine, il caos e il giudizio. Nella Bibbia, il numero 11 è usato ventiquattro volte e “undicesimo” si trova ben 19 volte. Venendo dopo il 10 (che rappresenta la legge e la responsabilità), il numero undici rappresenta il contrario, che è l’irresponsabilità di infrangere la legge, che porta disordine e giudizio.

  • In Genesi 11, gli uomini si ribellarono a DIO e costruirono la torre di Babele. Egli li giudicava confondendo il loro linguaggio, provocando il caos.
  • Jehoiakim, uno degli ultimi re di Giuda, governò per 11 anni (dal 609 al 598 a.C.). Il suo successore, il re Jehoiachin, governò per soli tre mesi prima che i babilonesi prendessero il controllo di Gerusalemme.
  • Dopo aver superato la città, il re Nabucodonosor di Babilonia istituisce Zedekiah come un fantoccio sovrano della Giudea. Zedekiah, tuttavia, ben presto si ribella ai suoi padroni. Il suo regno termina nel 586 a.C., dopo soli undici (11) anni, quando Nabucodonosor conquista nuovamente Gerusalemme, ma questa volta distrugge la città e il tempio.

Dodici – 12

Il dodici è associato al popolo di DIO, e riporta ai 12 mesi lunari (o solari), il tempo di un’anno scandito per i credenti.

  • Le dodici tribù di Israele
  • Ci sono molteplici esempi in Ezechiele riguardo alla costruzione nella Gerusalemme celeste per le dodici tribù, comprese 12 porte (Ezechiele 48, 30-35).
  • Dodici apostoli e dodici angeli (Apocalisse 21, 14).
  • La nuova Gerusalemme è una meraviglia architettonica progettata con i dodici. Ci sono dodici angeli alle dodici porte, e i nomi delle dodici tribù sono iscritti sulle porte (Apocalisse 21, 12). Le dodici fondamenta delle mura della città hanno i dodici nomi degli apostoli (Apocalisse 21, 14), e il muro è di dodici quadrati, pari a 144 cubiti (Apocalisse 21, 17). Dodici gioielli ornano le fondamenta; le dodici porte sono fatte di un’unica perla (Apocalisse 21, 19-21). L’albero della vita ha dodici tipi di frutti (Apocalisse 22, 2).
  • La nuova Gerusalemme misura 12.000 stadi per lato (Apocalisse 21, 16), un cubo e una dimora perfetta per tutto il popolo di Dio.
  • Dodici è moltiplicato fino a 144.000 (12 x 12 x 1.000) in Apocalisse 7, 4 ; 14, 1, 3 e indica il numero completo dell’Israele di DIO, l’intera comunità cristiana.

Quaranta – 40

Citato 146 volte nelle Scritture, il numero 40 simboleggia generalmente un periodo na non lungo di tempo, e spesso associato ad una prova, o un test.

  • Durante la vita di Mosè visse quarant’anni in Egitto e quarant’anni nel deserto prima che DIO lo scegliesse per condurre il suo popolo fuori dalla condizione di schiavitù.
  • Mosè è stato sul Monte Sinai per 40 giorni e notti, in due occasioni distinte (Esodo 24, 18 , 34, 1 – 28), ricevendo le Leggi di DIO. Mandò anche delle spie, per quaranta giorni, per investigare la terra che DIO aveva promesso agli Israeliti come eredità (Numeri 13, 25 ; 14, 34).
  • Il profeta Giona avvertì con insistenza l’antica città di Ninive, per quaranta giorni, in merito alla sua imminente distruzione che sarebbe avvenuta a causa dei suoi numerosi peccati.
  • Il profeta Ezechiele si mise alla Sua destra per 40 giorni per simboleggiare i peccati di Giuda (Ezechiele 4, 6).
  • Golia sfidò gli israeliti per 40 giorni prima che Davide lo uccidesse.
  • Il re Davide governò per 40 anni.
  • Gesù fu tentato da Satana nel deserto per 40 giorni.
  • Gesù rimase a Gerusalemme e in Galilea per 40 giorni prima della sua ascensione.

Settanta – 70

Settanta (così come il numero 7) ha un significato sacro nella Bibbia. Costituito da due numeri perfetti, il sette (appunto la perfezione) e il dieci (che rappresenta la completezza e la legge di DIO), come tale esso simboleggia l’ordine spirituale perfetto.

  • Settanta (70) anziani sono stati nominati da Mosè (Numeri 11, 16). Dopo aver letto l’alleanza che DIO gli aveva dato da leggere al popolo, Mosè portò 70 anziani, insieme ad Aronne e ai suoi figli, sul Monte Sinai per un pasto speciale con DIO stesso (Esodo 24, 9 – 11).
  • L’antico Israele ha trascorso in totale 70 anni di prigionia in Babilonia (Geremia 29, 10).
  • Settanta è anche particolarmente legato a Gerusalemme. La città ha mantenuto 70 anni di sabati mentre Giuda era in cattività in Babilonia (Geremia 25, 11). Settantasette anni (490 anni) furono stabiliti su Gerusalemme per completare le sue trasgressioni, per porre fine ai peccati e per farvi entrare la giustizia eterna (Daniele 9, 24).

Mille – 1.000

“Mille” (1.000) significa l'”immensità”, una “pienezza di quantità”, e si trova spesso nel Libro dell’Apocalisse.

Sansone, uno dei giudici di Israele e la prima persona che la Bibbia dichiara sotto il voto di nazierato dalla nascita, fu incaricato da DIO di liberare gli israeliti dai brutali filistei. Uno dei modi in cui lo fece fu di usare la sua miracolosa forza e resistenza, più la mascella di un asino, per uccidere 1.000 uomini dell’esercito filisteo.

15 Poi, trovata una mascella d’asino ancora fresca, stese la mano, l’afferrò e uccise con essa mille uomini. 16 Sansone disse: “Con una mascella d’asino, [ne ho ammucchiati] mucchi su mucchi! Con una mascella d’asino ho ucciso mille uomini.”
(Giudici 15, 15-16)

 


Referenze

  • “Number Symbolism,” by Jean-Pierre Brach, in Dictionary of Gnosis & Western Esotericism, edited by Wouter Hanegraaff, Brill, 2006, p.874-883
  • Adela Yarbo Collins, “Numerical Symbolism in Jewish and Early Christian Apocalyptic Literature,” in Aufstieg und Niedergang der römischen Welt 21.2:1221-87
  • M.H. Pope, “Numbers, Numbering, Numbers,” Interpreter’s Dictionary of the Bible 3:561-67
  • Introduction to the Cabala, by Z’Ev Ben Shimon Halevi, Weiser Books, 1 Nov 1991, p.23
Comments
All comments.
Comments