La Conoscenza: ILM علم‎

Ilm (In Arabo: علم “conoscenza”) è il termine che indica la conoscenza. Nel pensiero Islamico ha una connotazione molto più ampia dei suoi sinonimi in inglese e in altre lingue occidentali. “Conoscenza” non esprime esattamente tutti gli aspetti del termine “Ilm“. Conoscenza nel mondo occidentale significa informazione su un certo argomento, divino o terreno che sia, mentre Ilm” è un termine che abbraccia tutti questi aspetti riferendosi alla teoria, alla pratica e all’istruzione.
Lo studioso di letteratura araba e cultura islamica, Professor Franz Rosenthal, orientalista tedesco ed insegnante a Yale University, rimarca sia l’importanza di questa parola nella civiltà musulmana e nell’Islam e sia la sua diversità dalle traduzioni dell’Occidente.

Nessun concetto è stato, infatti, così importante nel determinare tutti gli aspetti della civiltà musulmana come Ilm. Questo vale anche per le altre parole di grande significato per la vita religiosa islamica, ad esempio “Tawhid” (riconoscimento dell’unicità di DIO), “ad-Din” (la Vera religione) e molte altre usate costantemente e con enfasi. Ma nessuna di esse è uguale a Ilm per la sua profondità di significato e per il suo largo utilizzo. Non c’è nessun aspetto della vita intellettuale, religiosa e politica islamica, e della vita quotidiana di un musulmano medio, che venga trascurato dall’atteggiamento sempre rivolto verso la conoscenza vista come un valore supremo per il musulmano. Ilm è Islam, anche se i teologi sono stati esitanti nell’accettare la correttezza tecnica di questa uguaglianza. Ció che risalta maggiormente da questa accesa discussione riguardo a questo concetto è la sua fondamentale importanza per l’Islam.

L’origine della parola Islam (in Arabo: إسلام) deriva dalla radice triliterale S-L-M che forma una grande classe di parole che si riferiscono principalmente ai concetti di Pace e sottomissione, ma anche a sicurezza ed integrità.
Oggigiorno generalmente nel contesto religioso, la parola Islam significa “sottomissione volontaria a DIO [ALLAH in arabo]”, è il nome verbale della Forma IV della radice e significa “sottomissione” o “resa”. Musulmano, la parola per un aderente all’Islam, è il participio attivo della stessa forma verbale e significa “sottomesso”, “colui che si sottomette”, ovvero una ragionata e volontaria “sottomissione” (al DIO Unico).

Dalla radice S-L-M- si evince comprensibilmente che il termine ilm è annesso ad Islam, un percorso attraverso la Conoscenza e che conduce al raggiungimento della stessa e alla comprensione della dottrina Islamica, nessun’altra religione o pensiero ideologico ha sottolineato cosí tanto l’importanza di questo concetto.
Nel Corano la parola “Alim” (un dotto o sapiente, maschio o femmina che sia) ricorre 140 volte, mentre il termine “Ilm” soltanto 27. In totale, il numero dei versetti in cui è utilizzata la parola “Ilm” o termini derivati o associati ad essa è 704.

Oltre a svariati versetti coranici che enfatizzano l’importanza della conoscenza, vi sono centinaia di detti del Profeta (Pbsl) che incoraggiano i musulmani ad acquisire ogni tipo di conoscenza da qualsiasi parte del mondo. La civiltà islamica, durante un periodo di stagnazione e declino, confinٍ il proprio sapere nella teologia come unica scienza obbligatoria, un atteggiamento generalmente e ingiustamente attribuito alla distruzione della filosofia e delle altre scienze nel mondo islamico effettuata da al-Ghazali.

Nel mondo islamico, la parola “gnosi” (ma’rifa) è differente dalla conoscenza nel senso di acquisire informazioni attraverso processi logici. Nelle civiltà non islamiche dominate dalla cultura greca, “hikma” (la filosofia) è considerata superiore alla comprensione/apprendimento. E questa capacità di apprendere è considerata come conoscenza derivatante da due fonti: l’ “Aql” (il ragionamento) e l’”Ilm huduri” (intesa come conoscenza non mediata e diretta, che avviene attraverso esperienze mistiche).

Il significato di conoscenza

Linguisticamente

Secondo l’Oxford English Dictionary, la parola “conoscenza” si riferisce a “fatti, informazioni e abilità acquisite attraverso l’esperienza o l’istruzione, la comprensione teorica o pratica di un argomento”.

“In questo lavoro sul concetto di conoscenza, Franz Rosenthal ha raccolto un ampio numero di definizioni di ‘ilm, organizzandole secondo ciò che vedeva come loro elementi essenziali (ammettendo che la lista era astorica e non necessariamente conforme alle categorie che gli stessi studiosi musulmani medievali avrebbero usato). Tra queste definizioni, troviamo quanto segue: La conoscenza è il processo del conoscere e identico tra il conoscitore e il conosciuto.

La conoscenza è ciò attraverso cui si conosce.

  1. La conoscenza è ciò attraverso cui l’essenza è conosciuta.
  2. La conoscenza è ciò attraverso cui il conoscitore viene a conoscnza.
  3. La conoscenza è ciò che necessita in colui in cui sussiste il nome di conoscitore.
  4. La conoscenza è ciò del quale necessita colui in cui sussiste il sapere.
  5. Knowledge is that which necessitates that he in whom it resides (mahall) is knowing. La conoscenza è ciò del quale necessita colui in cui risiede (mahall) il conoscere.
  6. La conoscenza rappresenta (‘ibarah’ a) l’oggetto conosciuto (‘al-ma lum)
  7. La conoscenza è in tutto tranne che nei concetti noti (‘al-ma ani al -ma luma).
  8. La conoscenza è l’oggetto mentalmente esistente.

Il Profeta Mohammed (Pbsl) ha detto:
La ricerca della conoscenza è obbligatoria per ogni timorato [musulmano].
(Al-Tirmidhi)

 

Significato Islamico

La conoscenza nel mondo occidentale significa informazione su qualcosa, divina o corporea, mentre dal punto di vista islamico ‘ilm è un termine onnicomprensivo che copre la teoria, l’azione e l’educazione, non si limita solo all’acquisizione della conoscenza, ma abbraccia anche gli aspetti socio-politici e morali.richiede intuizione, impegno per gli obiettivi dell’Islam e per i credenti di agire sulla loro fede. Inoltre è riportato nell’hadith che “La conoscenza non è un apprendimento esteso. Piuttosto, è una luce che DIO getta nel cuore di chi vuole”.

Sciismo e conoscenza

Dottrina sulla necessità di acquisire conoscenza

Secondo Allameh Muzaffar, ALLAH (DIO in arabo) dà all’uomo la facoltà di ragionare e argomentare. Inoltre, DIO ordina all’uomo di passare il tempo a riflettere attentamente sulla creazione, mentre si riferisce a tutte le creazioni come ai suoi segni di potenza e di gloria. Questi segni comprendevano tutto l’universo. C’è anche una somiglianza tra l’uomo come piccolo mondo e l’universo come grande mondo. Dio non accetta la fede di coloro che Lo seguono senza pensare e solo con l’imitazione ma anche il CREATORE li biasima per tale azione.

In altre parole, l’uomo deve pensare all’universo con la ragione e l’intelletto, una facoltà conferitaci da DIO. Da quando c’è più insistenza sulla facoltà dell’intelletto tra gli sciiti, anche valutare le affermazioni di qualcuno che sostiene la profezia è sulla spalla dell’intelletto.

Si dice che il Corano richieda l’acquisizione della conoscenza. Spiega lo studio e lo sviluppo delle scienze durante l’età dell’oro islamica.

Ilm è un termine arabo complesso e sfaccettato usato in varie derivazioni per indicare i molti aspetti del sapere e dell’acquisizione, produzione e diffusione della conoscenza, compresi l’insegnamento e l’apprendimento, l’educazione e la scienza, così come la comprensione, la percezione, il sentimento, l’esperienza e la familiarità. Da ‘ilm deriva anche il termine ‘ālam, “mondo”, a significare che l’atto divino della creazione è fondamentalmente un atto di conoscenza e un’espressione di conoscenza. Attraverso il Corano e le tradizioni profetiche, l’Islam ha posto una forte enfasi sull’ilm, considerando la ricerca della conoscenza come obbligatoria per tutti i musulmani. Di conseguenza, l’impresa di conoscere è stata centrale per tutti gli aspetti della produzione culturale nell’Islam, in particolare nei campi della scienza, della religione e delle arti. Da un lato, l’ilm fonde scienza e religione in un tutto indissolubile, e dall’altro, fa dell’arte un atto di conoscenza prima di essere un’espressione di sentimento.
Storicamente, non esiste una parola specifica per “scienza” in arabo, e gli intellettuali, i linguisti, i riformatori e gli “scienziati” arabi moderni e primitivi non hanno coniato un nuovo termine per essa per aiutare a delineare i territori della scienza moderna da quelli dell’ilm tradizionale nel pensiero arabo. La parola araba ilm (plurale ‘ulūm) ha continuato ad essere usata per descrivere sia la ricerca religiosa che quella non religiosa della conoscenza, cioè l’impegno devozionale e intellettuale con la rivelazione divina così come lo studio razionale ed empirico della natura. Ha anche continuato ad essere associato all’arte (fann), all’immaginazione (khayāl) e alla creatività artistica (ibdā’). Poiché sia la scienza che la religione hanno costituito il fondamento comune della produzione artistica nella tradizione islamica, l’ilm ha agito come una forza culturale unificante nel corso della storia islamica.

Science, Religion, and Art in Islam presenta un’opportunità, a livello nazionale e internazionale, di esaminare il concetto di “conoscenza” nella cultura islamica per esplorare e generare prospettive innovative sul suo ruolo nella scienza, nella religione e nelle arti. Invita a riflessioni e discussioni sull’idea di ‘ilm e il suo ruolo nella cultura islamica pre, precoce e post-moderna.
Scienza, religione e arte nell’Islam riunirà un ampio gruppo di studiosi, artisti, designer, curatori, conservatori e ricercatori di grado superiore nei campi della storia intellettuale islamica, della storia e della teoria dell’arte e dell’architettura islamica, della storia della scienza islamica e degli studi islamici per affrontare questioni chiave e per evidenziare i punti di intersezione tra scienza, religione e arti.

Il Profeta Muhammad (la pace sia su di lui) ha detto:
“Un servo di DIO rimarrà in piedi nel Giorno del Giudizio finché non sarà interrogato sul suo (tempo sulla terra) e su come lo ha usato; sulla sua conoscenza e su come l’ha utilizzata; sulla sua ricchezza e da dove l’ha acquisita e in quali (attività) l’ha spesa; e sul suo corpo e su come l’ha usato.”
(Al-Tirmidhi)

 

Ilm nel Corano

Nel Corano la parola ‘alim è presente in 140 luoghi, mentre al-‘ilm in 27. In tutto, il numero totale di versi in cui ‘ilm o i suoi derivati e le parole associate sono usati è 704. Gli aiuti della conoscenza come il libro, la penna, l’inchiostro ecc. ammontano a quasi lo stesso numero. Qalam si verifica in due luoghi, al-kitab in 230 versi, tra cui al-kitab per al-Qur’an si verifica in 81 versi. Altre parole associate alla scrittura sono presenti in 319 versi.

Il Profeta Muhammad (la pace sia su di lui) ha detto:
“Se qualcuno viaggia su una strada alla ricerca della conoscenza, DIO [ALLAH] lo farà viaggiare su una delle strade del Paradiso. Gli angeli abbasseranno le loro ali nel loro grande piacere con colui che cerca la conoscenza. Gli abitanti dei cieli e della terra e (persino) i pesci delle acque profonde chiederanno perdono per l’uomo dotto. La superiorità del dotto sul devoto è come quella della luna, nella notte in cui è piena, sul resto delle stelle. I dotti sono gli eredi dei Profeti, e i Profeti non lasciano (nessuna eredità monetaria), lasciano solo la conoscenza, e chi la prende ne prende una parte abbondante.
(Sunan di Abu-Dawood)

 

Il Profeta sws ha anche detto:
“La conoscenza da cui non si ricava alcun beneficio è come un tesoro di cui non si spende nulla per la causa di DIO”.
(Al-Tirmidhi)

Oltre a vari versetti coranici che sottolineano l’importanza della conoscenza, ci sono centinaia di tradizioni profetiche che incoraggiano i musulmani ad acquisire tutti i tipi di conoscenza da qualsiasi angolo del mondo.

‘Ilm è indicato in molti versetti coranici come “luce” (nur), e DIO è anche descritto come il nur ultimo. significa che ilm in senso generale è sinonimo di “luce” di DIO. Questa luce non brilla per sempre per tutti i credenti. Se è nascosta a volte dalle nuvole di dubbio che nascono dalla mente umana. Il dubbio è talvolta interpretato nel Corano come oscurità, e anche l’ignoranza è raffigurata come oscurità in un certo numero di versetti. Dio è raffigurato come nur, e anche la conoscenza è simboleggiata come asnur. L’ignoranza è l’oscurità e la ma’rifah è la luce. Nell’ayat al-kursi DIO dice:

(DIO è la Luce dei cieli e della terra… DIO è il Maestro dei credenti e li guida dalle tenebre alla luce)

 

Muhammad sws ha detto:
“Se Dio vuole fare del bene a una persona, le fa comprendere la religione e naturalmente la conoscenza si ottiene con l’apprendimento.”
(Saheeh Bukhari)

Nell’Islam l’ilm non si limita solo all’acquisizione della conoscenza, ma abbraccia anche gli aspetti socio-politici e morali. La conoscenza non è una semplice informazione, ma richiede che i credenti agiscano in base alle loro convinzioni e si impegnino per gli obiettivi che l’Islam si propone di raggiungere.

Il Messaggero di DIO (Sallallahu ‘alayhi wa sallam) ha detto:
“Un credente non è mai sazio di acquisire conoscenze; continua ad acquisirle fino alla sua morte e all’ingresso in Paradiso”.
(Tirmidhi)

 


Referenze

 

Translate into your language
Main Topics
ASH’s Newsletter