Monte del Tempio: Il Tempio di Gerusalemme

Introduzione

Il Monte del Tempio (in Ebraico: הַר הַבַּיִת‎, Har haBáyit), detto anche il “Nobile Santuario” (in arabo: الحرم القدسي الشريف‎, al-Haram al-qudsī al-sharīf) è noto anche come “Spianata delle Moschee”. Un sito religioso nel cuore di Gerusalemme, importantissimo per l’Ebraismo, il Cristianesimo e l’Islam (le Religioni Abramitiche), ad oggi forse il lembo di terra più conteso al Mondo.

Riproduzione della vecchia città di Gerusalemme vista dal Monte degli Ulivi

Storia

Il Monte prende il nome dal Tempio di Gerusalemme, dedicato al DIO unico dell’ebraismo JHWH (ALLAH nell’Islam), che fu costruito dal re d’Israele Salomone nel X secolo a.C. Fu distrutto e ricostruito nel VI secolo a.C. dagli Ebrei, e ampliato a partire dal 20 a.C. da Erode il Grande (al tempo reggente di Israele) e dai suoi successori. Fu infine distrutto dai Romani nell’anno 70 d.C.

Nella tradizione il Monte del Tempio è stato anche spesso identificato come Moriah, una montagna (o meglio serie di montagne) citate nell’Antico Testamento (TaNaKh) come luogo del sacrificio di Isacco, ma la effettiva collocazione di Moriah è oggetto di dibattito. Comunque, l’unico risalto attualmente visibile coincide con quella che è considerata la cima del monte Moriah.
Durante l’occupazione romana, sul sito sorse un tempio dedicato a Giove; in seguito fu anch’esso distrutto. Dopo la conquista musulmana (VII secolo), invece, vi furono costruite le moschee ancora oggi esistenti.
Con la Prima Crociata il luogo fu nuovamente occupato dai cristiani: nella moschea al-Aqsa, costruita sul sito di una chiesa bizantina, stabilirono la loro sede i Cavalieri Templari, che presero il nome proprio dal risiedere sul sito dell’antico Tempio, mentre la “Cupola della Roccia” fu trasformata in cappella. Con la riconquista musulmana di Gerusalemme, entrambe ritornarono alla loro destinazione d’uso religioso musulmano.

Dopo la proclamazione dello Stato di Israele nel 1948 e la guerra che ne seguì, il Monte del Tempio rimase nella parte araba di Gerusalemme (Gerusalemme Est); con la Guerra dei Sei Giorni del 1967 fu invece controllato dagli israeliani (assieme al resto della città); oggi lo status quo è garantito in base ad un accordo tra lo stato ebraico e la Giordania, la quale gestisce la spianata tramite il gruppo Waqf.

Struttura

Durante i grandiosi lavori di ampliamento voluti da Erode il Grande, iniziati verso il 20 a.C. e proseguiti per diversi decenni, l’orografia originaria del Monte del Tempio fu cancellata e venne realizzata una vastissima spianata, oggi nota come spianata del Tempio o delle Moschee.

Essa ha forma approssimativamente rettangolare e dimensioni di circa 500×300 metri, coi lati più lunghi nella direzione nord-sud. Sopraelevata di alcune decine di metri rispetto all’area circostante, è delimitata e sostenuta sui quattro lati da poderose mura di contenimento: le più alte e spesse sono quelle sul lato orientale, che si affaccia sulla valle del torrente Kidron (o Cedron). Vi si accede attraverso delle porte d’ingresso situate sul lato ovest; originariamente vi era una porta anche sul lato est, ma secoli fa venne murata (da questa porta si presume sia entrato Gesù quando fece il suo ingresso trionfale in Gerusalemme, pochi giorni prima di morire: proveniva infatti dal Monte degli Ulivi che si trova proprio da quel lato, sulla sponda opposta del Kidron).

Al centro della spianata, in corrispondenza dell’antico Tempio e dell’originaria cima del Monte, sorge la Moschea di ʿOmar (detta anche Cupola della Roccia), caratterizzata da una grande cupola dorata. Lungo il lato sud della spianata sorge invece la Moschea al-Aqsa, che ospitava la sede dei Cavalieri Templari all’epoca delle Crociate.

Il Monte del Tempio per le tre grandi religioni

  • Il Monte del Tempio è sacro agli Ebrei in quanto sede del Tempio di HaShem. Di esso, dopo la distruzione operata dai Romani, rimangono oggi soltanto alcuni tratti del Muro Occidentale di contenimento, detto anche Muro del Pianto. Gli ebrei usano recarsi in preghiera alla base di tale muro (quindi all’esterno della spianata).
  • Per i Musulmani, il Monte del Tempio è sacro in quanto il Profeta Muhammad venne assunto in cielo dalla roccia situata in cima al Monte, oggi all’interno della Cupola della Roccia (che da essa appunto prende il nome).
  • Il luogo è sacro, infine, per i Cristiani, che ricordano le numerose visite di Gesù al Tempio: qui si svolsero le sue dispute con i sacerdoti e altri episodi della sua vita pubblica. Il principale santuario cristiano di Gerusalemme è però la Basilica del Santo Sepolcro, considerata il luogo della sua sepoltura e resurrezione.

Mappa della posizione Gerusalemme

Situato nella Città Vecchia di Gerusalemme, è il sito religioso più importante del mondo. È stato venerato come luogo santo per migliaia di anni dall’ebraismo, dal cristianesimo e dall’islam. Il sito attuale è dominato da tre strutture monumentali del primo periodo omayyade: la Moschea al-Aqsa, la Cupola della Roccia e la Cupola della Catena, oltre a quattro minareti. Mura e porte erodiane con aggiunte risalenti al tardo periodo bizantino e al primo periodo islamico tagliano i fianchi del Monte. Attualmente può essere raggiunto attraverso undici porte, dieci riservate ai musulmani e una ai non musulmani, con posti di guardia della polizia israeliana nelle vicinanze di ciascuna.

Secondo la Bibbia, i templi ebraici sorgevano sul Monte del Tempio. Secondo la tradizione e le scritture ebraiche, il primo Tempio fu costruito dal re Salomone, figlio del re Davide, nel 957 a.C. e distrutto dai Babilonesi nel 586 a.C. Il secondo fu costruito sotto gli auspici di Zorobabele nel 516 a.C. e distrutto dall’Impero Romano nel 70 d.C. La tradizione ebraica sostiene che è qui che sarà costruito anche un terzo e ultimo Tempio. Il luogo è il sito più sacro del giudaismo ed è il luogo verso cui gli ebrei si rivolgono durante la preghiera. A causa della sua estrema santità, molti ebrei non camminano sul Monte stesso, per evitare di entrare involontariamente nell’area dove si trovava il Santo dei Santi, poiché secondo la legge rabbinica, qualche aspetto della presenza divina è ancora presente nel sito.

Tra i musulmani sunniti, il Monte è ampiamente considerato il terzo sito più sacro dell’Islam. Venerato come il Nobile Santuario, il luogo del viaggio di Mohammed a Gerusalemme e dell’ascesa al cielo, il sito è anche associato ai profeti biblici ebrei che sono anche venerati nell’Islam. I califfi Omayyadi commissionarono la costruzione della Moschea al-Aqsa e della Cupola della Roccia sul sito. La Cupola fu completata nel 692 CE, rendendola una delle più antiche strutture islamiche esistenti nel mondo. La Moschea di Al Aqsa si trova all’estremo sud del Monte, di fronte alla Mecca. La Cupola della Roccia si trova attualmente nel mezzo, occupando o vicino all’area dove prima sorgeva il Santo Tempio.

Alla luce delle duplici rivendicazioni del giudaismo e dell’islam, è uno dei siti religiosi più contestati al mondo. Fin dalle Crociate, la comunità musulmana di Gerusalemme ha gestito il sito come Waqf, senza interruzione. Poiché il sito fa parte della Città Vecchia, controllata da Israele dal 1967, sia Israele che l’Autorità Palestinese ne rivendicano la sovranità, e rimane uno dei principali punti focali del conflitto arabo-israeliano. Nel tentativo di mantenere lo status quo, il governo israeliano applica un controverso divieto di preghiera per i non musulmani.

Ubicazione e dimensioni

Il Monte del Tempio forma la porzione settentrionale di uno stretto sperone di collina che degrada bruscamente da nord a sud. Sorgendo sopra la Valle di Kidron a est e la Valle di Tyropoeon a ovest, il suo picco raggiunge un’altezza di 740 m (2.428 piedi) sul livello del mare. Intorno al 19 a.C., Erode il Grande estese l’altopiano naturale del monte racchiudendo l’area con quattro massicci muri di sostegno e riempiendo i vuoti. Questa espansione artificiale ha portato ad una grande distesa piatta che oggi forma la sezione orientale della Città Vecchia di Gerusalemme. La piattaforma a forma di trapezio misura 488 m a ovest, 470 m a est, 315 m a nord e 280 m a sud, per un’area totale di circa 150.000 m2 (37 acri). Il muro settentrionale del monte, insieme alla sezione settentrionale del muro occidentale, è nascosto dietro edifici residenziali. La sezione meridionale del fianco occidentale è rivelata e contiene quello che è noto come il Muro Occidentale. I muri di contenimento su questi due lati scendono molti metri sotto il livello del suolo. Una porzione settentrionale del muro occidentale può essere vista dall’interno del Tunnel del Muro Occidentale, che è stato scavato attraverso edifici adiacenti alla piattaforma. Sui lati meridionale e orientale i muri sono visibili quasi a tutta la loro altezza. La piattaforma stessa è separata dal resto della Città Vecchia dalla Valle di Tiropoeon, anche se questa valle, un tempo profonda, è ora in gran parte nascosta sotto depositi successivi, ed è impercettibile in alcuni punti. La piattaforma può essere raggiunta attraverso la Porta della Via delle Catene – una strada nel Quartiere Musulmano al livello della piattaforma, in realtà seduta su un ponte monumentale; il ponte non è più visibile esternamente a causa del cambiamento del livello del suolo, ma può essere visto da sotto attraverso il Tunnel del Muro Occidentale.

Il cimitero Musulmano costruito fuori la Porta d’Oro, unica entrata dalle mura della città vecchia di Gerusalemme al Tempio

Significato religioso

Il Monte del Tempio ha un significato storico e religioso per tutte e tre le principali religioni abramitiche: Giudaismo, Cristianesimo e Islam. Ha un particolare significato religioso per l’ebraismo e l’islam, e le rivendicazioni concorrenti di queste comunità di fede lo hanno reso uno dei siti religiosi più contestati al mondo.

Giudaismo

Il Monte del Tempio è il luogo più sacro dell’ebraismo, che lo considera come il luogo in cui la presenza divina di DIO si manifesta più che in qualsiasi altro luogo, ed è il luogo verso cui gli ebrei si rivolgono durante la preghiera. A causa della sua estrema santità, molti ebrei non camminano sul Monte stesso, per evitare di entrare involontariamente nella zona dove si trovava il Santo dei Santi, poiché secondo la legge rabbinica, qualche aspetto della presenza divina è ancora presente nel sito. Era dal Santo dei Santi che il Sommo Sacerdote comunicava direttamente con DIO.
Secondo i saggi rabbinici i cui dibattiti hanno prodotto il Talmud, fu da qui che il mondo si espanse nella sua forma attuale e dove DIO raccolse la polvere usata per creare il primo uomo, Adamo. Almeno dal primo secolo d.C., il sito è stato associato nel giudaismo al Monte Moriah (ebraico: הַר הַמוריה, Har HaMōriyā); il Monte Moriah è il nome dato dalla Bibbia ebraica al luogo in cui Abramo legò Isacco, identificazione perpetuata dalla tradizione ebraica e cristiana.

La connessione e la venerazione ebraica al sito deriva probabilmente dal fatto che contiene la Pietra di Fondazione che, secondo i rabbini del Talmud, era il punto in cui il mondo fu creato e si espanse nella sua forma attuale. In seguito fu il Santo dei Santi del Tempio, il Luogo più Santo nel giudaismo. La tradizione ebraica lo nomina come luogo di una serie di eventi importanti accaduti nella Bibbia, tra cui la Legatura di Isacco, il sogno di Giacobbe e la preghiera di Isacco e Rebekah. Allo stesso modo, quando la Bibbia racconta che il re Davide acquistò un’aia di proprietà di Araunah il Gebuseo, la tradizione la colloca su questo monte. Un antico testo ebraico, il Genesi Rabba, afferma che questo sito è uno dei tre sui quali le nazioni del mondo non possono deridere Israele e dire “li hai rubati”, poiché è stato acquistato “a prezzo pieno” da Davide. Secondo la Bibbia, Davide voleva costruirvi un santuario, ma questo fu lasciato a suo figlio Salomone, che completò il compito nel 950 a.C. circa con la costruzione del Primo Tempio.

Secondo la Bibbia, entrambi i templi ebraici si trovavano sul Monte del Tempio, anche se esistono prove archeologiche solo per il Secondo Tempio. Tuttavia, l’identificazione del Tempio di Salomone con l’area del Monte del Tempio è diffusa. Secondo la Bibbia il sito dovrebbe funzionare come il centro di tutta la vita nazionale, un centro governativo, giudiziario e religioso. Durante il periodo del Secondo Tempio funzionava anche come centro economico. Secondo la tradizione e le scritture ebraiche, il Primo Tempio fu costruito dal re Salomone, figlio del re Davide, nel 957 a.C. e distrutto dai Babilonesi nel 586 a.C. Il secondo fu costruito sotto gli auspici di Zorobabele nel 516 a.C. e distrutto dall’Impero Romano nel 70 d.C. Nel II secolo, il sito fu utilizzato per un tempio a Giove Capitolino. Fu riqualificato dopo la conquista araba. I testi ebraici predicono che il Monte sarà il sito di un Terzo e ultimo Tempio, che sarà ricostruito con la venuta del Messia. Un certo numero di gruppi ebraici vocali ora sostengono la costruzione del Terzo Tempio Santo senza indugio, al fine di portare a compimento i “piani profetici di fine tempo di Dio per Israele e il mondo intero”.

Diversi passaggi della Bibbia indicano che durante il tempo in cui sono stati scritti, il Monte del Tempio era identificato come il Monte Sion. Il Monte Sion menzionato nelle parti successive del Libro di Isaia (Isaia 60:14), nel Libro dei Salmi e nel Primo Libro dei Maccabei (circa II secolo a.C.) sembra riferirsi alla cima della collina, generalmente conosciuta come il Monte del Tempio. Secondo il Libro di Samuele, il Monte Sion era il sito della fortezza gebusea chiamata “roccaforte di Sion”, ma una volta che il Primo Tempio fu eretto, secondo la Bibbia, in cima alla collina orientale (“Monte del Tempio”), il nome “Monte Sion” migrò anche lì. Il nome migrò poi per un’ultima volta, questa volta sulla collina occidentale di Gerusalemme.

Cristianità

Il Tempio era di importanza centrale nel culto ebraico, nel Tanakh e nell’Antico Testamento cristiano. Nel Nuovo Testamento, il Tempio di Erode fu il luogo di diversi eventi nella vita di Gesù, e la fedeltà cristiana al sito come punto focale rimase a lungo dopo la sua morte. Dopo la distruzione del Tempio nel 70 d.C., che venne considerata dai primi cristiani, come da Giuseppe e dai saggi del Talmud di Gerusalemme, come un atto divino di punizione per i peccati del popolo ebraico, il Monte del Tempio perse il suo significato per il culto cristiano con i cristiani che lo consideravano un adempimento della profezia di Cristo, ad esempio, in Matteo 23:28 e 24:2. Fu a questo scopo, prova di una profezia biblica compiuta e della vittoria del cristianesimo sul giudaismo con la Nuova Alleanza, che anche i primi pellegrini cristiani visitarono il sito. I cristiani bizantini, nonostante alcuni segni di lavori costruttivi sulla spianata, generalmente trascurarono il Monte del Tempio, soprattutto quando un tentativo ebraico di ricostruire il Tempio fu distrutto dal terremoto del 363. e divenne una desolata discarica locale, forse fuori dai confini della città, mentre il culto cristiano a Gerusalemme si spostava alla Chiesa del Santo Sepolcro, e la centralità di Gerusalemme veniva sostituita da Roma.

Durante l’epoca bizantina, Gerusalemme era principalmente cristiana e i pellegrini arrivavano a decine di migliaia per sperimentare i luoghi dove Gesù ha camminato. Dopo l’invasione persiana nel 614 molte chiese furono rase al suolo e il sito fu trasformato in un deposito. Gli arabi conquistarono la città dall’impero bizantino che l’aveva riconquistata nel 629. Il divieto bizantino sugli ebrei fu revocato e fu loro permesso di vivere all’interno della città e di visitare i luoghi di culto. I pellegrini cristiani poterono venire a visitare la zona del Monte del Tempio. La guerra tra i Selgiuchidi e l’Impero Bizantino e la crescente violenza musulmana contro i pellegrini cristiani a Gerusalemme istigarono le Crociate. I crociati catturarono Gerusalemme nel 1099 e la Cupola della Roccia fu data agli Agostiniani, che la trasformarono in una chiesa, e la Moschea Al-Aqsa divenne il palazzo reale di Baldovino I di Gerusalemme nel 1104. I Cavalieri Templari, che credevano che la Cupola della Roccia fosse il sito del Tempio di Salomone, le diedero il nome di “Templum Domini” e stabilirono il loro quartier generale nella Moschea Al-Aqsa adiacente alla Cupola per gran parte del XII secolo.

Nell’arte cristiana, la Circoncisione di Gesù è stata convenzionalmente raffigurata come se avesse avuto luogo al Tempio, anche se gli artisti europei fino a poco tempo fa non avevano modo di conoscere l’aspetto del Tempio e i Vangeli non affermano che l’evento abbia avuto luogo al Tempio.

Anche se alcuni cristiani credono che il Tempio sarà ricostruito prima o in concomitanza con la seconda venuta di Gesù (vedi anche Dispensazionalismo), il pellegrinaggio al Monte del Tempio non è considerato essenziale nelle credenze e nel culto della maggior parte dei cristiani. Il Nuovo Testamento racconta la storia di una donna samaritana che chiede a Gesù quale sia il luogo appropriato per il culto, Gerusalemme o il luogo santo samaritano sul Monte Gerizim, alla quale Gesù risponde,

“Donna, credimi, viene l’ora in cui né su questo monte né a Gerusalemme adorerete il Padre. Voi adorate ciò che non conoscete; noi adoriamo ciò che conosciamo, perché la salvezza viene dai Giudei. Ma l’ora sta arrivando, ed è ora qui, quando i veri adoratori adoreranno il Padre in spirito e verità, perché il Padre sta cercando tali persone per adorarlo. Dio è spirito, e coloro che lo adorano devono adorare in spirito e verità” (Giovanni 4:21-24)

 

Questo è stato interpretato nel senso che Gesù ha rinunciato al luogo fisico del culto, che era piuttosto una questione di spirito e verità.

Islam

Quasi immediatamente dopo la conquista musulmana di Gerusalemme nel 638 d.C., il califfo ‘Omar ibn al Khatab, disgustato dalla sporcizia che ricopriva il sito, lo fece pulire a fondo e concesse agli ebrei l’accesso al sito. Tra i musulmani sunniti, il Monte è ampiamente considerato il terzo sito più sacro dell’Islam. Venerato come il Nobile Santuario, il luogo del viaggio di Maometto a Gerusalemme e dell’ascesa al cielo, il sito è anche associato ai profeti biblici ebrei che sono anche venerati nell’Islam. I musulmani preferirono usare la spianata come cuore del quartiere musulmano, dato che era stato abbandonato dai cristiani, per evitare di disturbare i quartieri cristiani di Gerusalemme. I califfi Omayyadi commissionarono la costruzione della Moschea al-Aqsa e della Cupola della Roccia sul sito. La Cupola fu completata nel 692 CE, rendendola una delle più antiche strutture islamiche esistenti nel mondo. La Moschea di Al Aqsa si trova all’estremo sud del Monte, di fronte alla Mecca. La Cupola della Roccia si trova attualmente nel mezzo, occupando o vicino all’area dove prima sorgeva il Sacro Tempio.

Una rivendicazione del 13° secolo di una regione estesa di santità fu fatta da Ibn Taymiyyah che affermò: “Al-Masjid al-Aqsa è il nome di tutto il luogo di culto costruito da Sulaymaan…” che, secondo la tradizione occidentale, presenta: “…il luogo di culto costruito da Salomone” conosciuto come il Tempio di Salomone. Ibn Taymiyyah si era anche opposto a dare qualsiasi indebito onore religioso alle moschee (anche quella di Gerusalemme), per avvicinarsi o rivaleggiare in qualsiasi modo con la santità islamica percepita delle due moschee più sante all’interno dell’Islam, Masjid al-Haram (alla Mecca) e Al-Masjid al-Nabawi (a Madina).

I musulmani considerano il sito come uno dei primi e più notevoli luoghi di culto di DIO (ALLAH). Per alcuni anni, nelle prime fasi dell’Islam, Maometto istruì i suoi seguaci a guardare il Monte durante la preghiera.

Il sito è anche importante per essere il sito della “Moschea più lontana” (menzionata nel Corano come il luogo del miracoloso viaggio notturno di Maometto) al cielo:

“Esaltato è Colui che ha portato il Suo servo di notte da al-Masjid al-Haram (la Sacra Moschea) ad al-Masjid al-Aqsa (la Moschea ulteriore), i cui dintorni abbiamo benedetto, per mostrargli i Nostri segni. In verità, Egli è l’uditore, il vedente”. Corano 17:1

 

Gli hadith, una raccolta di detti del profeta Mohammad, confermano che la posizione della moschea di Al-Aqsa è effettivamente a Gerusalemme:

“Quando la gente di Quraish non mi credeva (cioè la storia del mio viaggio notturno), mi alzai in Al-Hijr e ALLAH mostrò Gerusalemme davanti a me, e cominciai a descrivere loro Gerusalemme mentre la guardavo”. Sahih Bukhari: Volume 5, Libro 58, Numero 226.

 

Le interpretazioni musulmane del Corano concordano che il Monte è il sito di un Tempio costruito da Sulayman (Re Salomone), considerato un profeta nell’Islam, che fu poi distrutto. Dopo la costruzione, i musulmani credono che il tempio fu usato per il culto di un Dio da molti profeti dell’Islam, incluso Gesù. Altri studiosi musulmani hanno usato la Torah (chiamata Tawrat in arabo) per approfondire i dettagli del Tempio.

Storia

Periodo israelita

Si ritiene che la collina sia stata abitata fin dal IV millennio a.C. Supponendo la collocazione con il biblico Monte Sion, la sua sezione meridionale sarebbe stata murata all’inizio del II millennio a.C., intorno al 1850 a.C., dai Cananei che vi stabilirono un insediamento (o nelle vicinanze) chiamato Jebus. La tradizione ebraica lo identifica con il monte Moriah dove avvenne la legatura di Isacco. Secondo la Bibbia ebraica, il Monte del Tempio era originariamente un’aia di proprietà di Araunah, un gebuseo. Il profeta Gad suggerì la zona al re Davide come luogo adatto per l’erezione di un altare a YHWH, poiché un angelo distruttore si trovava lì quando Dio fermò una grande piaga a Gerusalemme.

Davide comprò quindi la proprietà da Arauna, per cinquanta pezzi d’argento, ed eresse l’altare. YHWH incaricò Davide di costruire un santuario sul luogo, fuori dalle mura della città, sul bordo settentrionale della collina. L’edificio doveva sostituire il Tabernacolo e servire come il Tempio degli Israeliti a Gerusalemme. Il Monte del Tempio è una parte importante dell’archeologia biblica.

Periodi persiano, asmoneo ed erodiano

Gran parte della storia iniziale del Monte è sinonimo di eventi relativi al Tempio stesso. Dopo la distruzione del Tempio di Salomone da parte di Nabucodonosor II, la costruzione del Secondo Tempio iniziò sotto Ciro intorno al 538 a.C. e fu completato nel 516 a.C. Prove di un’espansione asmonea del Monte del Tempio sono state recuperate dall’archeologo Leen Ritmeyer. Intorno al 19 a.C., Erode il Grande ampliò ulteriormente il Monte e ricostruì il tempio. L’ambizioso progetto, che comportò l’impiego di 10.000 lavoratori, più che raddoppiò le dimensioni del Monte del Tempio fino a circa 36 acri (150.000 m2). Erode livellò l’area tagliando via la roccia sul lato nord-ovest e sollevando il terreno in pendenza a sud. Ottenne questo risultato costruendo enormi muri di contrafforti e volte, e riempiendo le sezioni necessarie con terra e macerie. Una basilica, chiamata da Giuseppe “la Stoa Reale”, fu costruita sull’estremità meridionale della piattaforma ampliata, che forniva un centro per le transazioni commerciali e legali della città, e che aveva un accesso separato alla città sottostante attraverso il cavalcavia dell’Arco di Robinson. Oltre al restauro del Tempio, dei suoi cortili e dei portici, Erode costruì anche la Fortezza Antonia, adiacente all’angolo nord-occidentale del Monte del Tempio, e un serbatoio di acqua piovana, Birket Israel, a nord-est. Come risultato della prima guerra giudeo-romana, la fortezza fu distrutta nel 70 d.C. da Tito, il comandante dell’esercito e figlio dell’imperatore romano Vespasiano.

Periodo romano medio

La città di Aelia Capitolina fu costruita nel 130 d.C. dall’imperatore romano Adriano, e occupata da una colonia romana sul sito di Gerusalemme, che era ancora in rovina dalla Prima Rivolta ebraica del 70 d.C. Aelia veniva dal nomen gentile di Adriano, Aelius, mentre Capitolina significava che la nuova città era dedicata a Giove Capitolino, al quale era stato costruito un tempio sul sito dell’ex secondo tempio ebraico, il Monte del Tempio.

Adriano aveva inteso la costruzione della nuova città come un dono agli ebrei, ma poiché aveva costruito una gigantesca statua di se stesso davanti al Tempio di Giove e il Tempio di Giove aveva un’enorme statua di Giove al suo interno, c’erano ora sul Monte del Tempio due enormi immagini scolpite, che gli ebrei consideravano idolatriche. Era anche consuetudine nei riti romani sacrificare un maiale nelle cerimonie di purificazione della terra. Oltre a questo, Adriano emise un decreto che proibiva la pratica della circoncisione. Questi tre fattori, le immagini scolpite, il sacrificio di maiali davanti all’altare e la proibizione della circoncisione, si pensa abbiano costituito per gli ebrei non ellenizzati un nuovo abominio della desolazione, e così Bar Kochba lanciò la Terza Rivolta Ebraica. Dopo che la terza rivolta ebraica fallì, a tutti gli ebrei fu proibito, pena la morte, di entrare in città o nel territorio circostante la città.

Tardo periodo romano

Dal I al VII secolo il cristianesimo si diffuse in tutto l’impero romano, divenne gradualmente la religione predominante in Palestina e sotto i bizantini Gerusalemme stessa era quasi completamente cristiana, con la maggior parte della popolazione composta da cristiani giacobiti di rito siriano.

L’imperatore Costantino I promosse la cristianizzazione della società romana, dandole la precedenza sui culti pagani. Una conseguenza fu che il Tempio di Adriano a Giove sul Monte del Tempio fu demolito immediatamente dopo il Primo Concilio di Nicea nel 325 CE su ordine di Costantino.

Il pellegrino Bordaeux, che visitò Gerusalemme nel 333-334, durante il regno dell’imperatore Costantino I, scrisse che “Ci sono due statue di Adriano, e, non lontano da esse, una pietra forata alla quale gli ebrei vengono ogni anno e si ungono. Fanno il lutto e si stracciano le vesti, e poi se ne vanno”. Si presume che l’occasione fosse Tisha b’Av, poiché decenni dopo Girolamo riferì che quello era l’unico giorno in cui agli ebrei era permesso entrare a Gerusalemme.

Il nipote di Costantino, l’imperatore Giuliano, concesse nell’anno 363 il permesso agli ebrei di ricostruire il Tempio. In una lettera attribuita a Giuliano, egli scrisse agli ebrei: “Questo dovete fare, affinché, quando avrò concluso con successo la guerra in Persia, io possa ricostruire con le mie forze la sacra città di Gerusalemme, che per tanti anni avete desiderato vedere abitata, e possa portarvi dei coloni e, insieme a voi, possa glorificare il Dio Altissimo in essa”. Giuliano vedeva il DIO ebraico come un membro adeguato del pantheon di divinità in cui credeva, ed era anche un forte oppositore del cristianesimo. Gli storici della Chiesa scrissero che gli ebrei iniziarono a rimuovere le strutture e le macerie sul Monte del Tempio, ma furono ostacolati, prima da un grande terremoto, e poi da miracoli che includevano il fuoco che scaturiva dalla terra. Tuttavia, nessuna fonte ebraica contemporanea menziona direttamente questo episodio.

Periodo bizantino

Prove archeologiche sotto forma di un elaborato pavimento a mosaico simile a quello della Chiesa della Natività di Betlemme e molteplici frammenti di un elaborato Templon (schermo del coro) in marmo provano che una elaborata chiesa o monastero bizantino o un altro edificio pubblico si trovava sul Monte del Tempio in epoca bizantina.

Periodo sassanide

Nel 610, l’impero sasanide cacciò l’impero bizantino dal Medio Oriente, dando agli ebrei il controllo di Gerusalemme per la prima volta dopo secoli. Agli ebrei in Palestina fu permesso di creare uno stato vassallo sotto l’impero sasanide chiamato il Commonwealth ebraico sasanide che durò cinque anni. I rabbini ebrei ordinarono la ripresa dei sacrifici animali per la prima volta dai tempi del Secondo Tempio e iniziarono a ricostruire il Tempio ebraico. Poco prima che i bizantini riprendessero la zona cinque anni dopo, nel 615, i persiani diedero il controllo alla popolazione cristiana, che abbatté l’edificio del Tempio ebraico parzialmente costruito e lo trasformò in una discarica, che è quello che era quando il califfo Rashidun Umar prese la città nel 637.

Primo periodo musulmano

Nel 637 gli arabi assediarono e catturarono la città dall’impero bizantino, che aveva sconfitto le forze persiane e i loro alleati, e riconquistarono la città. Non ci sono documenti contemporanei, ma molte tradizioni, sull’origine dei principali edifici islamici sul monte. Un racconto popolare dei secoli successivi è che il califfo Rashidun Umar fu condotto sul posto con riluttanza dal patriarca cristiano Sofronio. Lo trovò coperto di spazzatura, ma la roccia sacra fu trovata con l’aiuto di un ebreo convertito, Ka’b al-Ahbar. Al-Ahbar consigliò a Umar di costruire una moschea a nord della roccia, in modo che i fedeli potessero guardare sia la roccia che la Mecca, ma invece Umar scelse di costruirla a sud della roccia. Essa divenne nota come Moschea Al-Aqsa. Secondo le fonti musulmane, gli ebrei parteciparono alla costruzione dell’haram, ponendo le basi per entrambe le moschee Al-Aqsa e Dome of the Rock. La prima testimonianza oculare conosciuta è quella del pellegrino Arculf che lo visitò intorno al 670. Secondo il resoconto di Arculf registrato da Adomnán, egli vide una casa di preghiera rettangolare in legno costruita su alcune rovine, abbastanza grande da contenere 3.000 persone.

Nel 691 il califfo Abd al-Malik costruì intorno alla roccia un edificio islamico ottagonale sormontato da una cupola, per una miriade di ragioni politiche, dinastiche e religiose, basate sulle tradizioni locali e coraniche che articolavano la santità del sito, un processo in cui le narrazioni testuali e architettoniche si rafforzavano a vicenda. Il santuario divenne noto come la Cupola della Roccia (قبة الصخرة, Qubbat as-Sakhra). (La cupola stessa fu ricoperta d’oro nel 1920.) Nel 715 gli Omayyadi, guidati dal califfo al-Walid I, trasformarono i vicini negozi del tempio Chanuyot in una moschea, corrispondente alla credenza islamica del miracoloso viaggio notturno di Maometto come raccontato nel Corano e negli hadith. Il termine “Nobile Santuario” o “Haram al-Sharif”, come fu chiamato più tardi dai Mamelucchi e dagli Ottomani, si riferisce a tutta l’area che circonda quella roccia.

Per i musulmani, l’importanza della Cupola della Roccia e della Moschea di Al-Aqsa fa di Gerusalemme la terza città più santa, dopo la Mecca e Medina. La moschea e il santuario sono attualmente amministrati da un Waqf (un trust islamico). Le varie iscrizioni sulle pareti della Cupola e le decorazioni artistiche implicano un significato simbolico escatologico della struttura.

Periodo crociato e ayyubide

Il periodo crociato iniziò nel 1099 con la presa di Gerusalemme da parte della Prima Crociata. Dopo la conquista della città, l’ordine crociato dei Cavalieri Templari ottenne l’uso della Cupola della Roccia sul Monte del Tempio da Baldovino II di Gerusalemme e Warmund, Patriarca di Gerusalemme, probabilmente al Concilio di Nablus nel gennaio 1120, dando ai Templari un quartier generale nella catturata Moschea Al-Aqsa. Il Monte del Tempio aveva una mistica perché si trovava sopra quelle che si credeva fossero le rovine del Tempio di Salomone. I crociati si riferivano quindi alla Moschea di Al Aqsa come al Tempio di Salomone, e fu da questo luogo che il nuovo Ordine prese il nome di Poveri Cavalieri di Cristo e del Tempio di Salomone, o cavalieri “Templari”.

Nel 1187, una volta riconquistata Gerusalemme, Saladino rimosse ogni traccia di culto cristiano dal Monte del Tempio, restituendo la Cupola della Roccia e la Moschea Al-Aqsa ai loro scopi originali. Anche durante i periodi relativamente brevi di dominio diplomatico dei crociati dopo quella data, il Monte del Tempio rimase in mani musulmane.

Periodo mamelucco

Ci sono diversi edifici mamelucchi sulla spianata dell’Haram e intorno ad essa. I Mamelucchi alzarono anche il livello della valle centrale o tirolese di Gerusalemme, che confina con il Monte del Tempio da ovest, costruendo enormi sottostrutture, sulle quali poi costruirono su larga scala. Le sottostrutture del periodo mamelucco e gli edifici fuori terra coprono quindi gran parte del muro occidentale erodiano del Monte del Tempio.

Periodo ottomano

Dopo la conquista ottomana della Palestina nel 1516, le autorità ottomane continuarono la politica di proibire ai non musulmani di mettere piede sul Monte del Tempio fino all’inizio del XIX secolo, quando ai non musulmani fu nuovamente permesso di visitare il sito.
Nel 1867, una squadra del Royal Engineers, guidata dal tenente Charles Warren e finanziata dal Palestine Exploration Fund (P.E.F.), scoprì una serie di tunnel sotterranei vicino al Monte del Tempio. Warren scavò segretamente alcuni tunnel vicino alle mura del Monte del Tempio e fu il primo a documentare i loro corsi inferiori. Warren condusse anche alcuni scavi su piccola scala all’interno del Monte del Tempio, rimuovendo le macerie che bloccavano i passaggi che portavano alla camera della Doppia Porta.

Periodo mandatario britannico

Tra il 1922 e il 1924, la Cupola della Roccia fu restaurata dal Consiglio Superiore Islamico.

Periodo giordano

La Giordania intraprese due restauri della Cupola della Roccia, sostituendo la cupola interna di legno che perdeva con una cupola di alluminio nel 1952 e, quando la nuova cupola perse, eseguendo un secondo restauro tra il 1959 e il 1964.

Né gli arabi israeliani né gli ebrei israeliani potevano visitare i loro luoghi sacri nei territori giordani durante questo periodo.

Periodo israeliano

Il 7 giugno 1967, durante la Guerra dei Sei Giorni, le forze israeliane avanzarono oltre la linea dell’accordo di armistizio del 1949 nei territori della Cisgiordania, prendendo il controllo della Città Vecchia di Gerusalemme, compreso il Monte del Tempio.

Il rabbino capo delle forze di difesa israeliane, Shlomo Goren, ha guidato i soldati in celebrazioni religiose sul Monte del Tempio e al Muro Occidentale. Il Gran Rabbinato israeliano ha anche dichiarato una festa religiosa per l’anniversario, chiamata “Yom Yerushalayim” (Giorno di Gerusalemme), che è diventata una festa nazionale per commemorare la riunificazione di Gerusalemme. Molti videro la presa di Gerusalemme e del Monte del Tempio come una liberazione miracolosa di proporzioni biblico-messianiche. Pochi giorni dopo la fine della guerra, 200.000 ebrei accorsero al Muro Occidentale nel primo pellegrinaggio ebraico di massa vicino al Monte dalla distruzione del Tempio nel 70 d.C. Le autorità islamiche non disturbarono Goren quando andò a pregare sul Monte fino a quando, il nono giorno di Av, portò 50 seguaci e introdusse sia uno shofar, sia un’arca portatile per pregare, un’innovazione che allarmò le autorità del Waqf e portò a un deterioramento delle relazioni tra le autorità musulmane e il governo israeliano. L’allora primo ministro di Israele, Levi Eshkol, ha dato il controllo dell’accesso al Monte del Tempio al Waqf islamico di Gerusalemme. Il sito è stato da allora un punto d’attrazione tra Israele e i musulmani locali.

Nel giugno 1969 un australiano tentò di dare fuoco ad Al-Aqsa; l’11 aprile 1982 un ebreo si nascose nella Cupola della Roccia e sparò, uccidendo 2 palestinesi e ferendone 44; nel 1974, 1977 e 1983 gruppi guidati da Yoel Lerner cospirarono per far saltare sia la Cupola della Roccia che Al-Aqsa; il 26 gennaio 1984 le guardie del Waqf individuarono membri di B’nei Yehuda, un culto messianico di ex gangster divenuti mistici con sede a Lifta, che tentavano di infiltrarsi nell’area per farla saltare. L’8 ottobre 1990, le forze israeliane che pattugliavano il sito hanno bloccato l’accesso ai fedeli. Una bombola di gas lacrimogeno è stata fatta esplodere tra le donne in adorazione, il che ha causato un’escalation degli eventi. Il 12 ottobre 1990 i musulmani palestinesi hanno protestato violentemente contro l’intenzione di alcuni ebrei estremisti di porre la prima pietra sul sito per un Nuovo Tempio come preludio alla distruzione delle moschee musulmane. Il tentativo è stato bloccato dalle autorità israeliane, ma è stato ampiamente riportato che i dimostranti hanno preso a sassate gli ebrei al Muro occidentale. Secondo lo storico palestinese Rashid Khalidi, il giornalismo investigativo ha dimostrato che questa accusa è falsa. Alla fine sono state lanciate pietre, mentre le forze di sicurezza hanno sparato colpi che hanno finito per uccidere 21 persone e ferirne altre 150. Un’inchiesta israeliana ha trovato le forze israeliane colpevoli, ma ha anche concluso che le accuse non potevano essere mosse contro alcun individuo in particolare. Nel dicembre 1997, i servizi di sicurezza israeliani prevennero un tentativo di estremisti ebrei di gettare una testa di maiale avvolta nelle pagine del Corano nella zona, al fine di scatenare una rivolta e imbarazzare il governo.

Tra il 1992 e il 1994, il governo giordano ha intrapreso il passo senza precedenti di dorare la cupola della Cupola della Roccia, coprendola con 5000 piastre d’oro, e restaurando e rinforzando la struttura. Anche il minbar Salah Eddin è stato restaurato. Il progetto è stato pagato personalmente da re Hussein, per un costo di 8 milioni di dollari. Il Monte del Tempio rimane, secondo i termini del trattato di pace Israele-Giordania del 1994, sotto la custodia giordana.

Il 28 settembre 2000, il leader dell’opposizione israeliana Ariel Sharon ha visitato il Monte del Tempio. Ha visitato il sito, insieme a una delegazione del partito Likud e a un gran numero di poliziotti antisommossa israeliani. La visita è stata vista come un gesto provocatorio da molti palestinesi, che si sono radunati intorno al sito. Le dimostrazioni sono diventate rapidamente violente, con l’uso di proiettili di gomma e gas lacrimogeni. Questo evento è spesso citato come uno dei catalizzatori della Seconda Intifada palestinese. Le prove rivelano, tuttavia, che un mese prima, il ministro della Giustizia dell’Autorità Palestinese Freih Abu Middein aveva avvertito che: “La violenza è vicina e il popolo palestinese è disposto a sacrificare anche 5.000 vittime”. Poche settimane prima dello scoppio, la pubblicazione ufficiale dell’AP, Al-Sabah, dichiarava: “Il tempo dell’Intifada è arrivato… il tempo della Jihad è arrivato”. Il leader palestinese Marwan Barghouti avrebbe poi ammesso che l’Intifada era stata pianificata e che Sharon aveva semplicemente “fornito una buona scusa” per la violenza.

Panorama of the Temple Mount, seen from the Mount of Olives

Status quo

I più rilevanti errori Dal 1757 è stato applicato uno status quo per il governo dei luoghi santi di Gerusalemme.

La situazione tra ebrei e musulmani è stata confermata nel 1919 con l’accordo Faisal-Weizmann:

Articolo V. Nessuna regolamentazione o legge sarà fatta per proibire o interferire con il libero esercizio della religione; (…)
Articolo VI. I luoghi sacri maomettani saranno sotto il controllo dei maomettani.

Nel 1929 le tensioni intorno al Muro Occidentale, in cui gli ebrei erano accusati di violare lo status quo, generarono disordini durante i quali furono uccisi 133 ebrei e 110 arabi.

Dopo la guerra arabo-israeliana del 1948, lo status quo non fu più rispettato dopo che la Giordania prese il controllo della Città Vecchia di Gerusalemme e agli ebrei fu proibito di visitare i loro Luoghi Santi nella città.

Sotto il controllo israeliano

Pochi giorni dopo la Guerra dei Sei Giorni, il 17 giugno 1967, si tenne un incontro ad al-Aqsa tra Moshe Dayan e le autorità religiose musulmane di Gerusalemme riformulando lo status quo. Agli ebrei fu dato il diritto di visitare il Monte del Tempio senza ostacoli e gratuitamente se rispettavano i sentimenti religiosi dei musulmani e si comportavano decentemente, ma non erano autorizzati a pregare. Il Muro Occidentale doveva rimanere il luogo di preghiera ebraico. La “sovranità religiosa” doveva rimanere ai musulmani mentre la “sovranità generale” diventava israeliana. L’offerta di Dayan fu contestata dai musulmani, che rifiutarono totalmente la conquista israeliana di Gerusalemme e del Monte. Anche alcuni ebrei, guidati da Shlomo Goren, allora rabbino capo dell’esercito, si erano opposti, sostenendo che la decisione consegnava il complesso ai musulmani, poiché la santità del Muro occidentale deriva dal Monte e simboleggia l’esilio, mentre pregare sul Monte simboleggia la libertà e il ritorno del popolo ebraico alla sua patria. Il presidente dell’Alta Corte di Giustizia, Aharon Barak, in risposta a un ricorso nel 1976 contro l’interferenza della polizia con il diritto putativo di un individuo a pregare sul sito, ha espresso l’opinione che, mentre gli ebrei avevano il diritto di pregare lì, questo non era assoluto ma soggetto all’interesse pubblico e ai diritti di altri gruppi. I tribunali israeliani hanno considerato la questione al di là delle loro competenze e, data la delicatezza della questione, sotto la giurisdizione politica. Ha scritto:

Il principio di base è che ogni ebreo ha il diritto di entrare sul Monte del Tempio, di pregare lì, e di avere comunione con il suo creatore. Questo fa parte della libertà religiosa di culto, fa parte della libertà di espressione. Tuttavia, come ogni diritto umano, non è assoluto, ma un diritto relativo… Infatti, in un caso in cui c’è la quasi certezza che il danno potrebbe essere causato all’interesse pubblico se i diritti di culto religioso e di libertà di espressione di una persona fossero realizzati, è possibile limitare i diritti della persona per sostenere l’interesse pubblico.

La polizia ha continuato a vietare agli ebrei di pregare sul Monte del Tempio. In seguito, anche diversi primi ministri fecero dei tentativi per cambiare lo status quo, ma non ci riuscirono. Nell’ottobre 1986, un accordo tra i Fedeli del Monte del Tempio, il Consiglio Supremo Musulmano e la polizia, che avrebbe permesso brevi visite in piccoli gruppi, fu esercitato una volta e mai più ripetuto, dopo che 2.000 musulmani armati di pietre e bottiglie attaccarono il gruppo e lapidarono i fedeli al Muro occidentale. Durante gli anni ’90, sono stati fatti ulteriori tentativi di preghiera ebraica sul Monte del Tempio, che sono stati fermati dalla polizia israeliana.

Fino al 2000, i visitatori non musulmani potevano entrare nella Cupola della Roccia, nella Moschea al-Aqsa e nel Museo Islamico ottenendo un biglietto dal Waqf. Questa procedura è finita quando è scoppiata la Seconda Intifada. Quindici anni dopo, i negoziati tra Israele e la Giordania potrebbero portare alla riapertura di questi siti.

Negli anni 2010, tra i palestinesi è sorto il timore che Israele progettasse di cambiare lo status quo e permettere le preghiere ebraiche o che la moschea di al-Aqsa potesse essere danneggiata o distrutta da Israele. Al-Aqsa è stata usata come base per attacchi ai visitatori e alla polizia, da cui venivano lanciate pietre, bombe incendiarie e fuochi d’artificio. La polizia israeliana non era mai entrata nella moschea di al-Aqsa fino al 5 novembre 2014, quando il dialogo con i leader del Waqf e i rivoltosi è fallito. Ciò ha portato all’imposizione di severe limitazioni all’ingresso dei visitatori al Monte del Tempio. La leadership israeliana ha ripetutamente dichiarato che lo status quo non sarebbe cambiato. Secondo l’allora commissario della polizia di Gerusalemme Yohanan Danino, il luogo è al centro di una “guerra santa” e “chiunque voglia cambiare lo status quo sul Monte del Tempio non dovrebbe essere ammesso lassù”, citando una “agenda di estrema destra per cambiare lo status quo sul Monte del Tempio”; Hamas e la Jihad islamica continuano ad affermare erroneamente che il governo israeliano ha intenzione di distruggere la Moschea di Al-Aksa, causando attacchi terroristici cronici e rivolte.

Ci sono stati diversi cambiamenti allo status quo: (1) Le visite degli ebrei sono spesso impedite o notevolmente limitate. (2) Gli ebrei e gli altri visitatori non islamici possono visitare solo dalla domenica al giovedì, per quattro ore al giorno. (3) Le visite all’interno delle moschee non sono permesse. (4) Gli ebrei con aspetto religioso devono visitare in gruppi monitorati da guardie e poliziotti del Waqf.

Molti palestinesi credono che lo status quo sia minacciato da quando gli israeliani di destra lo sfidano con più forza e frequenza, affermando un diritto religioso a pregare lì. Fino a quando Israele li ha vietati, i membri di Murabitat, un gruppo di donne, gridavano ‘Allah Akbar’ a gruppi di visitatori ebrei per ricordare loro che il Monte del Tempio era ancora in mani musulmane. traduzione della Bibbia, Vangelo e Nuovo Testamento. Passaggi, spiegazione e commmeto.

Gestione e accesso

Un Waqf islamico gestisce il Monte del Tempio ininterrottamente dalla riconquista musulmana del regno latino di Gerusalemme nel 1187. Il 7 giugno 1967, poco dopo che Israele aveva preso il controllo dell’area durante la Guerra dei Sei Giorni, il primo ministro Levi Eshkol assicurò che “nessun danno di alcun tipo verrà arrecato ai luoghi sacri a tutte le religioni”. Insieme all’estensione della giurisdizione e dell’amministrazione israeliana su Gerusalemme est, la Knesset ha approvato la legge sulla conservazione dei Luoghi Santi, assicurando la protezione dei Luoghi Santi contro la profanazione, così come la libertà di accesso agli stessi. Il sito rimane all’interno dell’area controllata dallo Stato di Israele, con l’amministrazione del sito che rimane nelle mani del Waqf islamico di Gerusalemme.

Anche se la libertà di accesso è stata sancita dalla legge, come misura di sicurezza, il governo israeliano applica attualmente un divieto di preghiera non musulmana sul sito. I non musulmani che vengono osservati mentre pregano nel sito sono soggetti all’espulsione da parte della polizia. In varie occasioni, quando c’è il timore di rivolte arabe sul monte con conseguente lancio di pietre dall’alto verso la piazza del Muro Occidentale, Israele ha impedito agli uomini musulmani sotto i 45 anni di pregare nel complesso, citando queste preoccupazioni. A volte tali restrizioni hanno coinciso con le preghiere del venerdì durante il mese sacro islamico del Ramadan. Normalmente, ai palestinesi della Cisgiordania è permesso l’accesso a Gerusalemme solo durante le festività islamiche, con l’accesso solitamente limitato agli uomini sopra i 35 anni e alle donne di qualsiasi età che hanno diritto ai permessi per entrare in città. I residenti palestinesi di Gerusalemme, che a causa dell’annessione di Gerusalemme da parte di Israele, possiedono carte di residenza permanente israeliane, e gli arabi israeliani, hanno accesso illimitato al Monte del Tempio. La Porta Mughrabi è l’unico ingresso al Monte del Tempio accessibile ai non musulmani.

Atteggiamento degli ebrei verso l’ingresso al sito

A causa delle restrizioni religiose sull’accesso alle aree più sacre del Monte del Tempio (vedi sezione seguente), il Muro Occidentale, un muro di contenimento del Monte del Tempio e residuo della struttura del Secondo Tempio, è considerato da alcune autorità rabbiniche come il sito più sacro accessibile agli ebrei per pregare. Un’udienza del 2013 di una commissione della Knesset ha preso in considerazione la possibilità di permettere agli ebrei di pregare nel sito, in mezzo a un acceso dibattito. I deputati arabo-israeliani sono stati espulsi per aver interrotto l’udienza, dopo aver urlato contro la presidente, chiamandola “piromane”. Il ministro degli affari religiosi Eli Ben-Dahan di Jewish Home ha detto che il suo ministero stava cercando modi legali per permettere agli ebrei di pregare nel sito.

La legge religiosa ebraica sull’ingresso al sito

Durante i tempi del Tempio, l’ingresso al Monte era limitato da un complesso insieme di leggi sulla purezza. A coloro che non erano della nazione ebraica era proibito entrare nel cortile interno del Tempio. Una pietra sbozzata che misura 60 x 90 cm. e incisa con uncials greci è stata scoperta nel 1871 vicino a una corte sul Monte del Tempio a Gerusalemme in cui si delinea questa proibizione:

ΜΗΟΕΝΑΑΛΛΟΓΕΝΗΕΙΣΠΟ
ΡΕΥΕΣΟΑΙΕΝΤΟΣΤΟΥΠΕ
ΡΙΤΟΙΕΡΟΝΤΡΥΦΑΚΤΟΥΚΑΙ
ΠΕΡΙΒΟΛΟΥΟΣΔΑΝΛΗ
ΦΘΗΕΑΥΤΩΙΑΙΤΙΟΣΕΣ
ΤΑΙΔΙΑΤΟΕΞΑΚΟΛΟΥ
ΘΕΙΝΘΑΝΑΤΟΝ

Traduzione: “Che nessuno straniero entri all’interno del parapetto e del divisorio che circonda il recinto del Tempio. Chiunque venga sorpreso [a violare] sarà ritenuto responsabile della sua morte”. Oggi, la pietra è conservata nel Museo delle Antichità di Istanbul.

Maimonide scrisse che era permesso entrare nel sito solo per soddisfare un precetto religioso. Dopo la distruzione del Tempio si discusse se il sito, privo del Tempio, mantenesse ancora la sua santità o meno. I codificatori ebrei accettarono l’opinione di Maimonide che stabilì che la santità del Tempio santificava il sito per l’eternità e di conseguenza le restrizioni sull’ingresso al sito sono ancora in vigore. Mentre gli ebrei secolari salgono liberamente, la questione se sia permesso salire è oggetto di un certo dibattito tra le autorità religiose, con una maggioranza che ritiene che sia permesso salire sul Monte del Tempio, ma non calpestare il sito dei cortili interni dell’antico Tempio. La questione diventa quindi se il sito può essere accertato con precisione. Un secondo complesso dibattito legale è incentrato sulla precisa punizione divina per chi calpesta questi luoghi proibiti.

Si discute sull’attendibilità dei resoconti secondo cui lo stesso Maimonide sarebbe salito sul Monte. Uno di questi rapporti sostiene che egli lo fece giovedì 21 ottobre 1165, durante il periodo delle crociate. Alcuni primi studiosi, tuttavia, sostengono che l’ingresso in alcune aree del Monte è permesso. Sembra che anche Radbaz sia entrato sul Monte e abbia consigliato ad altri come fare. Egli permette l’ingresso da tutte le porte nei 135×135 cubiti del cortile delle donne a est, poiché la proibizione biblica si applica solo ai 187×135 cubiti del Tempio a ovest. Ci sono anche fonti cristiane e islamiche che indicano che gli ebrei hanno avuto accesso al sito, ma queste visite potrebbero essere state fatte sotto costrizione.

Opinioni dei rabbini contemporanei sull’accesso al sito

Poche ore dopo che il Monte del Tempio passò sotto il controllo israeliano durante la Guerra dei Sei Giorni, fu trasmesso un messaggio dei rabbini capi di Israele, Isser Yehuda Unterman e Yitzhak Nissim, che avvertiva che agli ebrei non era permesso entrare nel sito. Questo avvertimento fu ribadito dal Consiglio del Gran Rabbinato pochi giorni dopo, che emise una spiegazione scritta da Rabbi Bezalel Jolti (Zolti) che “Poiché la santità del sito non è mai finita, è proibito entrare nel Monte del Tempio fino a quando il Tempio sarà costruito”. In seguito sono state ottenute le firme di più di 300 eminenti rabbini.

Un importante critico della decisione del Gran Rabbinato fu il rabbino Shlomo Goren, il rabbino capo dell’IDF. Secondo il generale Uzi Narkiss, che guidò la forza israeliana che conquistò il Monte del Tempio, Goren gli propose di far saltare immediatamente in aria la Cupola della Roccia. Dopo il rifiuto di Narkiss, Goren presentò, senza successo, una petizione al governo per chiudere il Monte agli ebrei e ai non ebrei. Più tardi stabilì il suo ufficio sul Monte e condusse una serie di dimostrazioni sul Monte a sostegno del diritto degli uomini ebrei di entrarvi. Il suo comportamento dispiacque al governo, che limitò le sue azioni pubbliche, censurò i suoi scritti e in agosto gli impedì di partecipare alla conferenza annuale della legge orale in cui si discuteva la questione dell’accesso al Monte. Sebbene ci fosse una notevole opposizione, il consenso della conferenza fu di confermare il divieto di ingresso agli ebrei. La sentenza diceva: “Siamo stati avvertiti, da tempo immemorabile [lett. da generazioni e generazioni], di non entrare nell’intera area del Monte del Tempio e abbiamo effettivamente evitato di farlo”. Secondo Ron Hassner, la sentenza ha risolto “brillantemente” il problema del governo di evitare il conflitto etnico, poiché gli ebrei che più rispettavano l’autorità rabbinica erano quelli che più probabilmente si sarebbero scontrati con i musulmani sul Monte.

Il consenso rabbinico nel periodo successivo al 1967, ha sostenuto che è vietato agli ebrei di entrare in qualsiasi parte del Monte del Tempio, e nel gennaio 2005 è stata firmata una dichiarazione che conferma la decisione del 1967.

Mentre Rabbi Moshe Feinstein ha permesso, in linea di principio, l’ingresso ad alcune parti del sito, la maggior parte degli altri rabbini Haredi sono dell’opinione che il Monte sia off limits sia per gli ebrei che per i non ebrei. Le loro opinioni contro l’ingresso al Monte del Tempio si basano sull’attuale clima politico che circonda il Monte, insieme al potenziale pericolo di entrare nell’area consacrata del cortile del Tempio e l’impossibilità di soddisfare il requisito rituale di purificarsi con le ceneri di una giovenca rossa. I confini delle aree completamente proibite, pur avendo ampie porzioni in comune, sono delineati in modo diverso dalle varie autorità rabbiniche.

Tuttavia, c’è un corpo crescente di rabbini moderni ortodossi e religiosi nazionali che incoraggiano le visite a certe parti del Monte, che credono siano permesse secondo la maggior parte delle autorità rabbiniche medievali. Questi rabbini includono: Shlomo Goren (ex rabbino capo ashkenazita di Israele); Chaim David Halevi (ex rabbino capo di Tel Aviv e Yaffo); Dov Lior (rabbino di Kiryat Arba); Yosef Elboim; Yisrael Ariel; She’ar Yashuv Cohen (rabbino capo di Haifa); Yuval Sherlo (rosh yeshiva della hesder yeshiva di Petah Tikva); Meir Kahane. Uno di loro, Shlomo Goren, ha sostenuto che è possibile che gli ebrei siano addirittura autorizzati ad entrare nel cuore della Cupola della Roccia in tempo di guerra, secondo la legge ebraica della conquista. Queste autorità esigono un atteggiamento di venerazione da parte degli ebrei che salgono sul Monte del Tempio, l’abluzione in un mikveh prima della salita e l’uso di scarpe non di cuoio. Alcune autorità rabbiniche sono ora dell’opinione che sia imperativo per gli ebrei salire per fermare il processo in corso di islamizzazione del Monte del Tempio. Maimonide, forse il più grande codificatore della legge ebraica, scrisse nelle Leggi della casa eletta, cap. 7, legge 15: “Si può portare un corpo morto nelle aree santificate (inferiori) del Monte del Tempio e non c’è bisogno di dire che l’impuro ritualmente (del morto) può entrarvi, perché il corpo morto stesso può entrare”. Chi è ritualmente impuro per contatto diretto o in-diretto con i morti non può camminare nelle aree santificate superiori. Per coloro che sono visibilmente ebrei, non hanno altra scelta che seguire questo percorso periferico, poiché è diventato ufficiosamente parte dello status quo sul Monte. Molte di queste recenti opinioni si basano su prove archeologiche.

Nel dicembre 2013, i due rabbini capo di Israele, David Lau e Yitzhak Yosef, hanno ribadito il divieto per gli ebrei di entrare nel Monte del Tempio. Hanno scritto: “Alla luce di [coloro] che trascurano [questa sentenza], avvertiamo ancora una volta che nulla è cambiato e questo severo divieto rimane in vigore per l’intera area [del Monte del Tempio]”. Nel novembre 2014, il rabbino capo sefardita Yitzhak Yosef, ha ribadito il punto di vista di molte autorità rabbiniche secondo cui gli ebrei non dovrebbero visitare il Monte. In occasione di una recrudescenza degli attacchi palestinesi a coltellate contro gli israeliani, associati ai timori che Israele stesse cambiando lo status quo sul Monte, il giornale Haredi Mishpacha ha pubblicato una notifica in arabo chiedendo ai “loro cugini”, i palestinesi, di smettere di cercare di uccidere i membri della loro congregazione, dal momento che si oppongono con veemenza a salire sul Monte e considerano tali visite proscritte dalla legge ebraica.

Caratteristiche attuali
Piattaforma della Cupola della Roccia

Una piattaforma piatta è stata costruita intorno al picco del Monte del Tempio, portando la Cupola della Roccia; il picco sfonda appena il livello del pavimento della piattaforma superiore all’interno della Cupola della Roccia, a forma di un grande affioramento calcareo, che fa parte del bedrock. Sotto la superficie di questa roccia c’è una grotta conosciuta come il Pozzo delle Anime, originariamente accessibile solo da uno stretto buco nella roccia stessa; i crociati hanno aperto un ingresso alla grotta da sud, da cui ora si può entrare.

C’è anche un piccolo edificio a cupola sulla piattaforma superiore, leggermente a est della Cupola della Roccia, conosciuta come la Cupola della Catena – tradizionalmente il luogo in cui una catena un tempo saliva al cielo.

Diverse scale salgono alla piattaforma superiore da quella inferiore; quella all’angolo nord-ovest è ritenuta da alcuni archeologi parte di una scala monumentale molto più ampia, per lo più nascosta o distrutta, e risalente all’epoca del Secondo Tempio.

Piattaforma inferiore

La piattaforma inferiore – che costituisce la maggior parte della superficie del Monte del Tempio – ha alla sua estremità meridionale la Moschea al-Aqsa, che occupa la maggior parte della larghezza del Monte. I giardini occupano il lato orientale e la maggior parte del lato settentrionale della piattaforma; l’estremo nord della piattaforma ospita una scuola islamica.

La piattaforma inferiore ospita anche una piattaforma inferiore, progettata per raccogliere l’acqua piovana come approvvigionamento idrico. Queste hanno varie forme e strutture, apparentemente costruite in periodi diversi, che vanno da camere a volta costruite nello spazio tra la roccia e la piattaforma, a camere tagliate nella roccia stessa. Di queste, le più notevoli sono (la numerazione segue tradizionalmente lo schema di Wilson):

  • Cisterna 1 (situata sotto il lato nord della piattaforma superiore). Si ipotizza che avesse una funzione legata all’altare del Secondo Tempio (e forse del Tempio precedente), o al mare di bronzo.
  • Cisterna 5 (situata sotto l’angolo sud-est della piattaforma superiore) – una camera lunga e stretta, con una strana sezione curva in senso antiorario al suo angolo nord-ovest, e contenente al suo interno una porta attualmente bloccata dalla terra. La posizione e il design della cisterna sono tali che si è ipotizzato che avesse una funzione collegata all’altare del Secondo Tempio (e forse del Tempio precedente), o al mare di bronzo. Charles Warren pensava che l’altare delle offerte bruciate fosse situato all’estremità nord-ovest.
  • Cisterna 8 (situata proprio a nord della Moschea al-Aqsa) – conosciuta come il Grande Mare, una grande caverna scavata nella roccia, il tetto sostenuto da pilastri scavati nella roccia; la camera è particolarmente cavernosa e suggestiva, e la sua capacità massima di acqua è di diverse centinaia di migliaia di galloni.
  • Cisterna 9 (situata appena a sud della cisterna 8, e direttamente sotto la Moschea al-Aqsa) – conosciuta come il Pozzo della Foglia per la sua pianta a forma di foglia, anch’essa scavata nella roccia.
  • Cisterna 11 (situata ad est della cisterna 9) – una serie di stanze a volta che formano una pianta a forma di lettera E. Probabilmente la cisterna più grande, ha il potenziale di ospitare oltre 700.000 galloni di acqua.
  • Cisterna 16/17 (situata al centro dell’estremità settentrionale del Monte del Tempio). Nonostante le entrate attualmente strette, questa cisterna (17 e 16 sono la stessa cisterna) è una grande camera a volta, che Warren ha descritto come l’interno della cattedrale di Cordoba (che era precedentemente una moschea). Warren credeva che fosse quasi certamente costruita per qualche altro scopo, e che fosse stata adattata a cisterna solo in un secondo momento; ha suggerito che potrebbe essere stata parte di una volta generale che sostiene il lato nord della piattaforma, nel qual caso esiste sostanzialmente più della camera che è usata per una cisterna.

Cancelli

I muri di contenimento della piattaforma contengono diverse porte, tutte attualmente bloccate. Nel muro orientale c’è la Porta d’Oro, attraverso la quale la leggenda afferma che il Messia sarebbe entrato a Gerusalemme. Sulla facciata meridionale ci sono le Porte di Hulda – la porta tripla (che ha tre archi) e la porta doppia (che ha due archi, ed è parzialmente oscurata da un edificio crociato); queste erano l’entrata e l’uscita (rispettivamente) al Monte del Tempio da Ophel (la parte più antica di Gerusalemme), e il principale accesso al Monte per gli ebrei comuni. Nella facciata occidentale, vicino all’angolo meridionale, si trova la Porta di Barclay – visibile solo a metà a causa di un edificio (la “casa di Abu Sa’ud”) sul lato nord. Sempre nella facciata occidentale, nascosta da costruzioni successive ma visibile attraverso i recenti tunnel del Muro Occidentale, e riscoperta solo da Warren, è la Porta di Warren; la funzione di queste porte occidentali è oscura, ma molti ebrei considerano la Porta di Warren particolarmente sacra, a causa della sua posizione a ovest della Cupola della Roccia. La credenza tradizionale ritiene che la Cupola della Roccia sia stata in precedenza il luogo in cui fu collocato il Santo dei Santi; esistono numerose opinioni alternative, basate su studi e calcoli, come quelle di Tuvia Sagiv.

Warren ha potuto studiare l’interno di queste porte. La Porta di Warren e la Porta d’Oro si dirigono semplicemente verso il centro del Monte, dando abbastanza rapidamente accesso alla superficie tramite gradini. La Porta di Barclay è simile, ma gira bruscamente verso sud mentre lo fa; la ragione di questo è attualmente sconosciuta. Le porte doppie e triple (le Porte di Huldah) sono più consistenti; dirigendosi verso il Monte per una certa distanza, hanno ciascuna dei gradini che salgono alla superficie appena a nord della Moschea al-Aqsa. Il passaggio per ognuna è a volta, e ha due navate (nel caso della porta tripla, una terza navata esiste per una breve distanza oltre la porta); la navata orientale della porta doppia e quella occidentale della porta tripla raggiungono la superficie, le altre navate terminano un po’ prima dei gradini – Warren crede che una navata di ogni passaggio originale sia stata estesa quando la Moschea al-Aqsa ha bloccato le uscite di superficie originali.

Nel processo di investigazione della Cisterna 10, Warren ha scoperto dei tunnel che si trovano sotto il passaggio della Tripla Porta. Questi passaggi portano in direzioni irregolari, alcuni conducono oltre il bordo meridionale del Monte del Tempio (si trovano a una profondità inferiore alla base delle mura); il loro scopo è attualmente sconosciuto – così come lo è se siano precedenti al Monte del Tempio – una situazione non aiutata dal fatto che a parte la spedizione di Warren nessun altro è noto per averli visitati.

Complessivamente, ci sono sei grandi porte sigillate e una postierla, elencate qui in senso antiorario, che risalgono ai periodi romano/erodiano, bizantino o musulmano antico:

  • Bab al-Jana’iz/al-Buraq (Porta dei Funerali/di al-Buraq); muro orientale; una postierla appena percettibile, o forse una porta improvvisata, a breve distanza a sud del Golden Gate
  • Porta d’Oro (Bab al-Zahabi); muro orientale (terzo settentrionale), una doppia porta:
Bab al-Rahma (Porta della Misericordia) è l’apertura meridionale,
Bab al-Tauba (Porta del Pentimento) è l’apertura settentrionale
  • Porta di Warren; muro occidentale, ora visibile solo dal tunnel del Muro Occidentale
  • Bab an-Nabi (Porta del Profeta) o Porta di Barclay; muro occidentale, visibile dalla Moschea al-Buraq dentro l’Haram, e dalla piazza del Muro
  • Occidentale (sezione femminile) e dall’edificio adiacente (la cosiddetta casa di Abu Sa’ud)
  • Doppia Porta (Bab al-Thulathe; forse una delle Porte di Huldah); muro meridionale, sotto la Moschea di Al-Aqsa
  • Tripla Porta; muro meridionale, fuori dalle Stalle di Salomone/Moschea Marwani
  • Porta singola; muro meridionale, fuori dalle Stalle di Salomone/Moschea Marwani

Porte aperte dell’Haram

Ci sono attualmente undici porte aperte che offrono accesso all’Haram al-Sharif musulmano.

  • Bab al-Asbat (Porta delle Tribù); angolo nord-est
  • Bab al-Hitta/Huttah (Porta della remissione, del perdono o dell’assoluzione); muro settentrionale
  • Bab al-Atim/’Atm/Attim (Porta delle Tenebre); muro settentrionale
  • Bab al-Ghawanima (Porta di Bani Ghanim); angolo nord-ovest
  • Bab al-Majlis / an-Nazir/Nadhir (Porta del Consiglio / Porta dell’Ispettore); muro occidentale (terzo settentrionale)
  • Bab al-Hadid (Porta di Ferro); muro occidentale (parte centrale)
  • Bab al-Qattanin (Porta dei Mercanti di Cotone); muro occidentale (parte centrale)
  • Bab al-Matarah/Mathara (Porta delle Abluzioni); muro occidentale (parte centrale)

Due porte gemelle seguono a sud della Porta delle Abluzioni, la Porta della Tranquillità e la Porta della Catena:

  • Bab as-Salam / al-Sakina (Porta della Tranquillità / Porta della Dimora), la settentrionale delle due; muro occidentale (parte centrale)
  • Bab as-Silsileh (Porta della Catena), la meridionale delle due; muro occidentale (parte centrale)
  • Bab al-Magharbeh/Maghariba (Porta dei Marocchini/Porta dei Mori); muro occidentale (terzo meridionale); l’unico ingresso per i non musulmani

Una dodicesima porta ancora aperta durante il dominio ottomano è ora chiusa al pubblico:

  • Bab as-Sarai (Porta del Serraglio); una piccola porta dell’ex residenza del Pascià di Gerusalemme; muro occidentale, parte settentrionale (tra le porte Bani Ghanim e del Consiglio).

Stalle di Salomone/Moschea Marwani

A est e collegato al passaggio della tripla porta c’è una grande area a volta, che sostiene l’angolo sud-est della piattaforma del Monte del Tempio – che in questo punto è sostanzialmente al di sopra del bedrock – le camere a volta qui sono popolarmente indicate come le Stalle di Salomone. Furono usate come stalle dai crociati, ma furono costruite da Erode il Grande – insieme alla piattaforma per cui furono costruite.

Minareti

I quattro minareti esistenti sono tre vicino al Muro Occidentale e uno vicino al muro settentrionale. Il primo minareto fu costruito nell’angolo sud-ovest del Monte del Tempio nel 1278. Il secondo fu costruito nel 1297 per ordine di un re mamelucco, il terzo da un governatore di Gerusalemme nel 1329 e l’ultimo nel 1367.

Alterazioni delle antichità e danni alle strutture esistenti

A causa dell’estrema sensibilità politica del sito, nessun vero scavo archeologico è mai stato condotto sul Monte del Tempio stesso. Le proteste si verificano comunemente ogni volta che gli archeologi conducono progetti vicino al Monte. Questa sensibilità non ha comunque impedito al Waqf musulmano di distruggere le prove archeologiche in diverse occasioni. A parte l’osservazione visiva delle caratteristiche di superficie, la maggior parte delle altre conoscenze archeologiche del sito provengono dall’indagine del XIX secolo condotta da Charles Wilson e Charles Warren e altri.

Dopo la Guerra dei Sei Giorni del 1967, gli archeologi israeliani iniziarono una serie di scavi nei pressi del sito, presso il muro meridionale, che portarono alla luce reperti risalenti al periodo del Secondo Tempio, all’epoca romana, omayyade e crociata. Nel periodo 1970-88, furono scavati diversi tunnel nelle vicinanze, compreso uno che passava a ovest del Monte e divenne noto come il Tunnel del Muro Occidentale, che fu aperto al pubblico nel 1996. Lo stesso anno il Waqf iniziò la costruzione di una nuova moschea nelle strutture conosciute fin dai tempi dei crociati come le Stalle di Salomone. Molti israeliani considerarono questo come un cambiamento radicale dello status quo, che non avrebbe dovuto essere intrapreso senza prima consultare il governo israeliano. Il progetto è stato fatto senza attenzione alla possibilità di disturbare materiale archeologico storicamente significativo, con pietre e manufatti antichi trattati senza riguardo alla loro conservazione.

Nell’ottobre 1999, il Waqf islamico e il Movimento islamico hanno condotto uno scavo illegale che ha inflitto molti danni archeologici. La terra di questa operazione, che ha ricchezze archeologiche rilevanti per la storia ebraica, cristiana e musulmana, è stata rimossa con macchinari pesanti e scaricata senza tante cerimonie da camion nella vicina Valle di Kidron. Anche se i reperti archeologici nella terra non sono già in situ, questo terreno contiene ancora un grande potenziale archeologico. Nessuno scavo archeologico è mai stato condotto sul Monte del Tempio, e questo terreno è stata l’unica informazione archeologica che sia mai stata disponibile per chiunque. Per questo motivo gli archeologi israeliani Dr. Gabriel Barkay e Zachi Zweig hanno istituito un progetto che setaccia tutta la terra di questa discarica: il Temple Mount Sifting Project. Tra i reperti scoperti nelle macerie rimosse dal Monte del Tempio c’erano:

  • L’impronta di un sigillo che si pensa sia appartenuto a una famiglia ebraica sacerdotale menzionata nel Libro di Geremia dell’Antico Testamento.
  • Più di 4300 monete di vari periodi. Molte di esse provengono dalla rivolta ebraica che precedette la distruzione del Secondo Tempio da parte delle legioni romane nel 70 d.C. e recano le parole “Libertà di Sion”.
  • Punte di freccia scagliate da arcieri babilonesi 2.500 anni fa, e altre lanciate da macchine d’assedio romane 500 anni dopo.
  • Lastre uniche della tecnica dell’opus sectile che furono usate per pavimentare le corti del Monte del Tempio. Questo è anche menzionato nei conti di Giuseppe e nel Talmud babilonese.

Alla fine del 2002, un rigonfiamento di circa 700 mm è stato segnalato nella parte meridionale del muro di contenimento del Monte del Tempio. Un team di ingegneri giordani ha raccomandato di sostituire o ripristinare la maggior parte delle pietre nell’area interessata. Nel febbraio 2004, il muro orientale del Monte è stato danneggiato da un terremoto. Il danno ha minacciato di far cadere sezioni del muro nell’area conosciuta come le Stalle di Salomone. Pochi giorni dopo, una porzione di muro di contenimento, che sosteneva la rampa di terra che portava dalla piazza del Muro Occidentale alla Porta dei Mori sul Monte del Tempio, crollò. Nel 2007 la Israel Antiquities Authority ha iniziato i lavori per la costruzione di un percorso pedonale temporaneo in legno per sostituire la rampa della Porta di Mugrabi, dopo che una frana nel 2005 l’aveva resa insicura e in pericolo di crollo. I lavori hanno scatenato la condanna dei leader arabi.

Nel luglio 2007 il trust religioso musulmano che amministra il Monte ha iniziato a scavare una trincea lunga 400 metri e profonda 1,5 metri dal lato nord del complesso del Monte del Tempio alla Cupola della Roccia per sostituire cavi elettrici vecchi di 40 anni nella zona. Gli archeologi israeliani hanno accusato il waqf di un deliberato atto di vandalismo culturale.

 

 


Bibliografia

Other Languages
Slide
Teologia = Direzione
Storia = Consigliera
Filosofia = Compagna
Main Topics
Newsletter