Samuele e la controversa richiesta di eleggere un re
Ascolta il post in Audio

Introduzione

Il profeta Samuele è un personaggio estremamente di rilievo all’interno della narrazione biblica, la cui influenza e le cui azioni hanno lasciato un segno indelebile nel corso della storia del popolo dei credenti. Giudice e leader spirituale eccezionale, Samuele emerse in un periodo in cui il sacerdozio andò incontro a un notevole declino, dovuto principalmente alla corruzione e alla mancanza di rettitudine tra i leader religiosi dell’epoca. Nonostante queste sfide, il profeta perseverò nella sua dedizione alla “causa di DIO” e al suo popolo, guidandolo attraverso numerose prove e tribolazioni.Ma Samuele ebbe anche un ruolo fondamentale nell’instaurazione della monarchia in Israele. Fu responsabile dell’unzione di due re, scegliendo prima Saul per guidare la nazione, e poi Davide come suo successore. Eppure l’istituzione di una monarchia non era affatto il suo intento o desiderio.

Tutti gli anziani d’Israele si radunarono e andarono da Samuele, a Ramah… e gli dissero: “Ecco, sei invecchiato e i tuoi figli non camminano nelle tue vie. Ora nominaci un re che ci giudichi come tutte le nazioni.”
(1Sam 8, 4-5)

La reazione di Samuele fu tutt’altro che positiva, e così affidò questa delicata questione a DIO, che rispose con altrettanto dispiacere, seppure concesse al popolo un sovrano:

Il Signore disse a Samuele: “Ascolta la voce del popolo, secondo tutto quello che ti diranno, perché non ti hanno respinto, ma hanno respinto me dal regnare su di loro”.
(1Sam 8, 7)

Istruito da DIO, Samuele avvertì il popolo dei pericoli della nomina di un re. Era a conoscenza che il potere corrompe gli Animi, e il potere assoluto corrompe in modo assoluto. Il profeta predisse così che si sarebbero pentiti della loro richiesta, eppure la gente sembrò irremovibile:

Il popolo rifiutò di ascoltare la voce di Samuele e disse: “No, ma ci sarà un re su di noi. Piuttosto, saremo come tutte le nazioni; il nostro re ci giudicherà, ci precederà e farà le nostre guerre.”
(1Sam 8, 19)

Alla fine, Samuele nominò prima re Saul, e poi molto più avanti negli anni anche il giovane pastore Davide.

Approfondimenti

L’idea di una struttura di governo centralizzata, sotto forma di monarchia, fu spinta quindi esclusivamente dalla volontà del popolo. Gli israeliti, avendo osservato i sistemi politici delle nazioni circostanti, desideravano una forma di governo simile. Erano convinti che un re avrebbe garantito stabilità e protezione, unificando così la nazione sotto un unico sovrano. Questa richiesta, tuttavia, fu accolta con disapprovazione da Samuele, che comprendeva bene che la vera guida e la protezione del popolo eletto potevano provenire solamente da DIO. Approfondiamo il perché il profeta era infastidito dalla richiesta del popolo? Perché DIO ha ritenuto la richiesta un “allontanarsi” dal Padre, seppure secondo la Torah (Legge) è un atto legittimo:

Quando verrai nella terra che il Signore, tuo DIO, ti sta concedendo, e tu la possiederai e vivrai in ​​essa, e dirai: “Io costituirò un re su di me, come tutte le nazioni intorno a me”, tu stabilirai su di te un re, colui che il Signore, tuo DIO, sceglierà…
(Deuteronomio Cap. 4)

È chiaro dalla storia che il popolo non voleva andare contro Samuele, ma non si fidava dei suoi figli che avrebbero dovuto succedergli nel compito di giudici. Si rivolsero quindi allo stesso Samuele per richiedere di eleggere un re, e senza il suo aiuto, l’avrebbero eletto senza il suo consenso.

Così DIO accorda e Samuele di nominare un re. Ma se era davvero una richiesta discutibile, perché quindi è stata fatta? Da nessuna parte troviamo che un profeta sia stato spinto a fare qualcosa che considerava illegittimo, né l’Onnipotente avrebbe accolto la richiesta. Quindi, se era inopportuno, perché è stato fatto? Mentre se era accettabile, perché l’obiezione iniziale?

Riflessioni

Nominare un re era sicuramente una cattiva idea, che però la Legge consente con un certo rammarico, il che spiega il dispiacere di Samuele.

L’idea di eleggere una monarca potrebbe apparire come una soluzione allettante per istituire un governo stabile, ma per i veri credenti esistono metodi di governo più virtuosi e spiritualmente più adeguati, che trascendono le strutture terrene. La Torah, che funge da principio guida per i fedeli, raccomanda la creazione di un governo stabile e giusto per mantenere l’ordine e promuovere l’armonia all’interno della società. Tuttavia, non approva esplicitamente l’istituzione di una monarchia ereditaria, che spesso comporta una serie di problematiche, come il potenziale di corruzione, le lotte di potere e le dispute dinastiche. La Torah incoraggia invece il perseguimento di un sistema di governo che sostenga i valori della giustizia, della rettitudine e dell’aderenza alle leggi divine, assicurando al popolo una guida più significativa e spiritualmente fondata.

La nomina di un re non è intrinsecamente peccaminosa nell’ambito della Legge, ma tuttavia, il modo in cui il popolo si rivolse a Samuele nella sua ricerca di un re fu offensivo e deludente per il profeta. Gli Israeliti hanno espresso la loro insoddisfazione e la loro mancanza di fiducia nel piano divino, scegliendo di ignorare i saggi consigli e gli avvertimenti di Samuele. Invece di cercare umilmente la guida e le risposte di DIO, perseguirono frettolosamente i propri desideri e le proprie ambizioni.

Abbiamo tuttoggi bisogno di affidarci e riporre la nostra fede in DIO, convinti che la sua volontà sia sempre meglio (per noi e le nostre vite) della nostra. La decisione del popolo di dare priorità ai propri desideri terreni piuttosto che alla ricerca della saggezza e della guida di DIO riflette un allontanamento dai principi fondamentali della ricerca di DIO. In questo contesto, la nomina di un re non riguarda tanto l’atto in sé, quanto piuttosto le motivazioni e gli atteggiamenti sottostanti che hanno portato a questa decisione, che alla fine si è allontanata dal sentiero della genuina devozione al Padre.

Una guida divina: Imparare dalla sfida di Samuele

Nel panorama in continua evoluzione della nostra società moderna e tecnologicamente avanzata, la storia della lotta di Samuele contro l’istituzione di una monarchia offre lezioni preziose, non solo pertinenti ma anche profondamente istruttive. Mentre navighiamo nelle complessità e nelle sfide che caratterizzano il nostro mondo contemporaneo, non dobbiamo perdere di vista l’importanza di riporre la nostra fiducia in un potere superiore e di cercare una guida divina, piuttosto che affidarci esclusivamente a istituzioni e figure autoritarie umane.
Dobbiamo dimostrarci convinti sostenitori della crescita spirituale e morale degli individui e delle comunità, dobbiamo riconoscere che la vera stabilità, la saggezza e la direzione possono essere trovate solo attraverso l’adesione a principi morali e spirituali. Promuovendo una solida connessione con la nostra fede e con i valori che essa impartisce, siamo in grado di prendere decisioni consapevoli che servono non solo al nostro benessere, ma anche al bene collettivo delle nostre collettività.

Inoltre, dobbiamo ricordare che i progressi tecnologici, pur essendo in grado di promuovere il progresso materiale, non potranno mai sostituire il ruolo essenziale che la fede e la spiritualità svolgono nella nostra vita. Come ha espresso eloquentemente Papa Giovanni Paolo II, “la scienza può purificare la religione dall’errore e dalla superstizione. La religione può purificare la scienza dall’idolatria e dai falsi assoluti”. È quindi fondamentale trovare un equilibrio tra la ricerca della conoscenza mondana e la coltivazione della saggezza spirituale, per evitare di perdersi nel fascino effimero del successo materiale.
In conclusione, il racconto della lotta di Samuele con la monarchia serve a ricordare l’importanza di cercare la guida divina di fronte alle sfide del mondo. Mentre ci sforziamo di costruire un futuro migliore nel nostro mondo, non dimentichiamo le lezioni impartite da questa narrazione biblica.

 

Other languages
Main Topics
Newsletter

Curiosità Random