Geburah: Il Rigore

Geburah (גבורה, lit. ‘forza’) a volte anche scritta Gevurah, è la quinta sephirah dell’albero cabalistico della vita, ed è il secondo degli attributi emotivi delle sephirot. Si trova sotto Binah, di fronte a Chesed, e sopra Hod, Gevurah è “l’essenza del giudizio e dell’imitazione”, corrisponde alla capacità di impressionare e all’elemento del fuoco.

Gevurah è la quinta Sefirot, e secondo attributo emotivi della Creazione, e che corrisponde al secondo giorno (Zohar 2, 127b). Nel Bahir si dice: “Che cos’è la quinta ( enunciazione)? La quinta è il grande fuoco di DIO, di cui si dice: “Non voglio più vedere questo grande fuoco, per non morire” (Dt 18,16). Questa è la mano sinistra di DIO”.

Gevurah è inteso come il modo di DIO di punire i malvagi e di giudicare l’umanità in generale, il fondamento del rigore, dell’assoluta aderenza alla lettera della legge e del rigido rispetto della giustizia.

Parliamo così dei modi primari di agire di DIO come della bontà e dell’irresponsabilità di Chesed, contro il rigore e la severa responsabilità di Gevurah, si chiama infatti “potenza” a causa del potere del giudizio assoluto di DIO.

Gevurah è associata nell’anima al potere di trattenere il proprio innato impulso a donare il bene agli altri indistintamente, anche quando il destinatario di quel bene è considerato indegno e capace di abusarne. Come forza che misura e valuta il valore della Creazione, Gevurah è anche indicato nella Cabala come “Midat Hadin” (“l’attributo del giudizio”).

Chesed e Gevurah agiscono insieme per creare un equilibrio interiore nell’approccio dell’anima al mondo esterno. Mentre il “braccio destro” di Chesed opera per avvicinare gli altri, il “braccio sinistro” di Gevurah si riserva la possibilità di respingere coloro che sono ritenuti immeritevoli. (Anche nei confronti di coloro ai quali la relazione iniziale è quella del “braccio sinistro che respinge”, si deve successivamente applicare il principio complementare “del braccio destro che si avvicina”).

In definitiva, la potenza di Gevurah diventa il potere e la forza per realizzare il proprio innato desiderio di Chesed. Solo con la potenza di Gevurah Chesed è in grado di penetrare la superficie opposta della realtà. Il Baal Shem Tov discute la capacità di Gevurah di effettuare il ritiro divino (Tzimtzum), che a sua volta crea il potenziale di Chesed nella creazione.

Gevurah appare nella configurazione del Sefirot lungo l’asse sinistro, direttamente sotto Binah, e corrisponde nello tzelem Elokim al “braccio sinistro”.

Translate into your language
ASH’s Newsletter

Let's stay connected...
Tu puoi fare cose che io non posso fare e anche io posso fare cose che tu non puoi fare, ma insieme possiamo fare grandi cose.