Riparare il Mondo (Philip J. Bentley)
Ascolta il post in Audio
Getting your Trinity Audio player ready...

Intro di ASH

“Riparare il Mondo”, che parola magnifica… Sfido chiunque a non voler essere l'”eroe” che salva il Mondo, eppure per quasi tutta l’umanità (attualmente), questo concetto rimane quanto di più utopico e irrealizzabile ci sia. La “massa” pensa che ci siano più probabilità di conquistare e colonizzare i pianeti nell’immenso cosmo, piuttosto che salvare quanto ci sia “sotto il nostro stesso cielo”. Ebbene, noi credenti non apparteniamo alla massa, e la tradizione ebraica ci insegna che il Tikkun Olam non è solo possibile, ma lo spiega anche come concetto chiave nella spiritualità e nel misticismo. Puoi “salvare” te stesso, solo se salverai il Mondo, e il solo provare a farlo, concretamente, riuscira a rigenerare e dare appagamento ad ogni Spirito.
Ho già scritto sufficientemente a riguardo questo argomento su ASH, ed è per questo che ho deciso (per “arrivare” dove i miei limiti umani mi “limitano”) di farmi aiutare dalle parole di un Rabbino onorevole, un maestro che stimo per quanto magnificamente ha riportato nel suo saggio: Riparare il Mondo , dal Rabbino Philip J. Bentley.

Il Saggio di Philip J. Bentley

Attivisti ebrei di tutte le parti dello spettro politico rivendicano la tradizione ebraica per la propria ideologia. La verità è che l’ebraismo è una tradizione viva di quasi 4000 anni, mentre le filosofie politiche occidentali hanno al massimo qualche secolo. La tradizione ebraica lo è su una traccia completamente diversa dallo spettro che include “sinistra” e “destra”. Nondimeno è vero che il voto ebraico e l’attivismo ebraico generalmente tendono verso la sinistra. Perché? Lo scopo di questo saggio è quello di esplorare brevemente alcuni aspetti di giudaismo che può aiutare a spiegare questo fatto innegabile.

Riparare Il Mondo

La base ultima per la comprensione di qualsiasi sistema etico, pubblico o privato, è la risposta alla domanda: “Cos’è l’umanità?” Una risposta è data nel racconto di Creazione dalla tradizione mistica ebraica (Kabbalah).

Prima della creazione Dio era infinito e, per ragioni che non possiamo concepire, ritirato per creare lo spazio-tempo. Nello spazio-tempo Dio ha inviato emanazioni di dieci divini attributi che avrebbero preso forma nei vasi. Si verificò un incidente cosmico e i recipienti delle emanazioni si infransero, mischiando le scintille divine, nascondendole tra le schegge che diventavarono poi gusci attorno ad esse. Fu allora che il Cielo e la Terra furono creati, e l’umanità è stata posta sulla terra per recuperare le scintille nei gusci. Questo processo è chiamato Fixing The World (Tiqqun Olam).

Il ruolo dell’umanità è quello di ristabilire questo mondo come doveva essere, rilasciando la scintilla divina nascosta in ogni cosa nel mondo e riportandola alla sua Sorgente.
Il giudaismo è una religione di questo mondo, anche nella sua espressione mistica. Il rapporto tra un essere umano e Dio include non solo la fede di quell’individuo, e l’osservanza dei precetti e delle leggi religiose, ma nel modo in cui un individuo tratta gli altri esseri umani. La maggior parte dei 613 comandamenti (mitzvot) nel giudaismo interessano le relazioni sociali. Ciò significa che tutta la pietà e l’osservanza religiosa del mondo non sono niente se una persona non utilizza la propria vita per rendere il mondo migliore.

Il versetto più importante

Un gruppo di rabbini, molti secoli fa, discuteva su quale fosse il massimo passaggio importante nella Bibbia – quello che riassume lo scopo di tutte le Scritture. Il “vincitore” fu “Questo è il libro della genealogia di Adamo. Nel giorno in cui Dio creò l’uomo, lo fece ad immagin,  di Dio;” (Genesi 5, 1) Quel versetto è seguito da una serie di “generati” che raccontano la genealogia delle dieci generazioni di discendenti di Adamo ed Eva. I rabbini, tuttavia, leggono questo versetto come un’affermazione che tutta l’umanità ha un antenato, e che ogni essere umano è fatto ad immagine divina.

Perché, chiede il Talmud, tutta l’umanità discendeva da una coppia? Ecco, sono state fornite diverse risposte, inclusa una che sostiene che nessuno dovrebbe essere in grado di dire “I miei Adamo ed Eva erano superiori ai vostri Adamo ed Eva.” Un altro afferma che ciò stabilisce che la vita di ciascun essere umano nel mondo intero è pari ad un’altra. Così abbiamo il famoso detto, “Chi distrugge una singola vita umana distrugge un intero mondo; e chi salva una sola vita umana salva un mondo intero. La vita umana in questo mondo è considerato il più alto imperativo etico nel giudaismo. Ogni singolo essere umano che sia mai vissuto, o che mai vivrà, deve essere inteso come fatto ad immagine divina e degno della vita del mondo intero. Chiunque prenda sul serio questa dottrina deve vedere in ogni essere umano il volto di Dio. Allora diventa impossibile danneggiare o degradare intenzionalmente qualsiasi persona.

Chi potrebbe crederci?

La religione ebraica non può essere compresa senza conoscerne l’unicità storica esperienza del popolo ebraico. La nostra stessa esistenza sfida le regole della storia. Deutero-Isaia commentò 25 secoli fa: “Chi può credere a ciò che abbiamo udito?” (Isaia 53, 1) come espressione di stupore per la nostra sopravvivenza.
La Terra d’Israele si trova tra due antichi potenti rivali: Egitto e Mesopotamia (moderne Siria e Iraq). Da oltre 4000 anni e fino ad oggi, questi due giganti combatterono per il piccolo territorio che li divideva. Abbiamo sofferto dal passaggio di enormi eserciti attraverso la nostra terra e talvolta ne siamo stati pedine di rivalità internazionale. Ai giorni di Geremia il faraone convinse il re di Giuda a ribellarsi contro Babilonia con una promessa di supporto. La ribellione ha avuto luogo, nessun aiuto è stato imminente e, di conseguenza, Gerusalemme e il Tempio furono rasi al suolo e quelle persone che non fuggirono in Egitto furono esiliate in Babilonia.

Così in tutte le nostre Scritture c’è sfiducia nei confronti delle grandi città, regni e imperi. I poteri del re ebreo erano sempre limitati perché il re doveva essere soggetto alla legge e all’etica che governava tutti gli altri. Nella Bibbia la persona che è un grande guerriero, o atleta, o chi ha un grande potere politico o ricchezza, non è considerato un eroe. La grande persona è quella che è giusta, gentile e istruita. Nostro particolare situazione storica ci ha dato una visione del mondo diversa da quella degli altri popoli.

Ora siamo schiavi

La maggior parte delle nazioni racconta le proprie origini gloriose ed eroiche. Ogni anno in occasione della Pasqua ebraica ci sediamo intorno a un tavolo e raccontaiamo come abbiamo iniziato la nostra storia da schiavi in Egitto. Ma non lo facciamo fermandoci lì. Affermiamo che se non fossimo stati portati fuori dall’Egitto saremmo ancora lì.
Nel corso del rituale del Seder pasquale facciamo del nostro meglio per rivivere l’esperienza di schiavitù e liberazione. “In ogni generazione spetta a ogni persona vedere lui/lei come aver vissuto personalmente l’esodo dall’Egitto.” Nemmeno noi accreditiamo Mosè come nostro liberatore. È appena menzionato nel testo tradizionale. Dio ci ha condotto fuori dall’Egitto. Inoltre affermiamo: “Ora siamo schiavi; l’anno prossimo potremmo essere liberi.” Vediamo la liberazione come un processo in corso piuttosto che come un antico evento statico.

La Torah (I cinque libri di Mosè) ci dice 36 volte: Non opprimerai lo straniero perché conoscete il cuore dello straniero essendo voi stessi stati estraneim nella terra d’Egitto. Lo scopo di ricordarci costantemente delle nostre umili origini, è ricordare a noi stessi che dobbiamo avere compassione verso gli altri, compresi quelli che non sono come noi.

Tra le nazioni

Quando il Tempio di Salomone fu distrutto dai Babilonesi (nel 586 aEV) ha avuto inizio un aspetto della nostra storia che ci rende veramente unici. La maggior parte della nostra gente ha vissuto al di fuori della nostra patria ancestrale piuttosto che al suo interno. Dal momento che il Secondo Tempio è stato distrutto dai romani (nel 70 d.C.) siamo stati dispersi in ogni angolo del globo e siamo sopravvissuti come minoranza vulnerabile in ogni tipo di condizione. Abbiamo quindi dovuto imparare a sopravvivere a ogni tipo di situazione immaginabile senza ricorrere alla forza delle armi. La nostra situazione è stata spesso precaria. Abbiamo quindi dovuto imparare a sopravvivere a ogni tipo di situazione immaginabile senza ricorrere alle armi. La nostra situazione è stata spesso precaria. In quanto estranei, siamo stati costretti a svolgere funzioni sociali ed economiche che chi aveva il potere, preferiva affidare agli estranei. Non ci è stato permesso di possedere o anche solo di lavorare la terra, di far parte di corporazioni artigianali o di partecipare alle forze armate. Eravamo costretti a diventare prestatori di denaro, esattori di tasse e affitti e a svolgere altri servizi per il sovrano locale che, in cambio, doveva proteggerci. A volte agli ebrei venivano persino affidate posizioni potenti o delicate come quella di finanziere reale, medico o addirittura ministro capo del governo. Il motivo era che nessun ebreo poteva essere una minaccia per il trono e quindi nessun ebreo avrebbe potuto usare il potere contro il re. Naturalmente, quando i tempi si mettevano male, gli ebrei venivano tipicamente incolpati e sottoposti a persecuzioni o addirittura all’espulsione.
In un certo senso eravamo come un canarino posto in un pozzo minerario. Quando vengono rilasciati gas velenosi, il canarino smette di cantare e muore prima che i minatori siano in pericolo. Spesso le prime vittime dei disordini sociali ed economici sono stati gli ebrei. Abbiamo dovuto imparare a essere sensibili ai cambiamenti delle condizioni. Gli ebrei se la cavano quasi sempre meglio quando l’umore nazionale è positivo e quando i diritti umani e la dignità sono ampiamente rispettati. Un rabbino polacco del XVIII secolo commentò il versetto “Proclamate la libertà in tutto il paese a tutti i suoi abitanti”. (Levitico 25:10). Perché “tutti” i suoi abitanti? Perché se qualcuno in una nazione non è libero, allora nessuno in quella nazione è libero.
Nel corso dei secoli gli ebrei hanno imparato che solo se i diritti e la dignità di tutti sono protetti possiamo sentirci al sicuro. Non deve quindi sorprendere che gli ebrei siano spesso all’avanguardia nelle attività per i diritti umani.

La lezione più difficile

Ci sono due modi per rispondere alle lezioni che ci ha insegnato l’Olocausto. Possiamo dire: “Nessuno è il nostro vero alleato, quindi dobbiamo preoccuparci solo di noi stessi”. Oppure possiamo dire: “I nazisti sono riusciti a demonizzare gli ebrei e poi a ucciderne milioni perché non abbiamo fatto abbastanza per portare altri alla nostra causa. Dobbiamo quindi combattere ogni tipo di bigottismo e tirannia fin dall’inizio, per non diventare vittime”. Un trauma nazionale come l’Olocausto fa emergere il meglio e il peggio delle persone.
La nostra storia moderna non ci dà di per sé motivo di andare a destra o a sinistra dal punto di vista politico. Siamo stati capri espiatori, perseguitati e uccisi da comunisti, fascisti e nazionalisti di ogni tipo. Anche negli Stati Uniti ci è voluto il movimento per i diritti civili degli anni ’60 per garantire che gli ebrei potessero vivere e lavorare ovunque volessero. Ancora oggi subiamo la demonizzazione da parte di gruppi che vanno dalle Nazioni Ariane alla Nazione dell’Islam. Lo Stato di Israele è il fustigatore preferito nella retorica politica internazionale dai demagoghi sia di destra che di sinistra.
La dura lezione dell’Olocausto è che dobbiamo essere pronti a rispondere a ogni minaccia per noi stessi, ma anche a ogni tipo di razzismo e di bigottismo, a prescindere dalle sue vittime. Dobbiamo contare su noi stessi, ma dobbiamo anche partecipare agli sforzi degli altri per la giustizia sociale.

Durante la Fine dei Giorni

L’ebraismo insegna che la creazione ha uno scopo. Ha avuto un inizio e avrà una fine. Fin dai tempi dei profeti biblici abbiamo avuto la visione di un tempo in cui tutti i torti saranno riparati e l’umanità conoscerà un’epoca di giustizia universale, sicurezza, prosperità e pace. Questa visione non è legata a nessuna ideologia politica, ma si riflette in molte di esse. La nostra visione dell’Età messianica, che si incarni o meno in un’unica figura messianica, è una visione che ci richiede di fare di più che aspettare. Nella nostra vita individuale siamo chiamati a cercare di rendere il mondo intorno a noi migliore per tutti. La comunità ebraica tradizionale si prendeva cura dei poveri, degli svantaggiati e degli stranieri. Dobbiamo sempre sforzarci di rendere questo mondo simile a quello che verrà in ogni modo possibile. Una tradizione dice che il Messia arriverà solo quando saremo riusciti in questo sforzo. Come disse Franz Kafka: “Il messia arriverà solo quando non ci sarà più bisogno di lui”.
Perciò…
La nostra teologia, la nostra etica, la nostra storia e la nostra visione dello scopo del mondo ci legano tutti alla convinzione che dobbiamo rendere il mondo un posto migliore. C’è quindi da meravigliarsi se gli ebrei non solo votano per il candidato più liberale, ma perseguono attivamente la giustizia e la pace nel mondo?

 

N.B. Per “uomo” si intende sia il maschio che la femmina della nostra specie. Il versetto in Genesi prteso in esame specifica: “Maschio e femmina furono creati”.

 

Other Languages
Slide
Teologia = Direzione
Storia = Consigliera
Filosofia = Compagna
Main Topics
Newsletter